Coronavirus, nuova ordinanza: test e cure presso gli aeroporti per cittadini extra Ue

Il presidente Rossi ha incontrato i consoli di tre paesi da cui sono risultati provenire persone colpite dal Covid-19

Controlli all'aeroporto di Peretola

Da domani, sabato 18 luglio, le aziende sanitarie dovranno allestire presso gli aeroporti di Pisa e di Firenze punti di accoglienza per cittadini provenienti con voli da aree extra Schengen. Lo stabilisce l’ordinanza che ha firmato ieri il presidente Enrico Rossi e che resterà valida fino alla fine dello stato di emergenza sanitaria. Nelle stazioni di accoglienza saranno registrati tutti coloro che entrano in Italia dalle aree extra Schengen che dovranno effettuare il periodo di 14 giorni di isolamento fiduciario con sorveglianza attiva in base al DPCM 11 giugno 2020, articolo 4 comma 3 prorogato dal DPCM 14 luglio. Presso i punti di accoglienza sarà offerta anche la possibilità di fare i test sierologici e i test molecolari. Sarà anche garantita la possibilità di isolamento presso alberghi sanitari per chi risulti positivo nonché per chi ha eventuali contatti stretti con i positivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus: ordinanza e multe per limitare nuovi focolai

Focolai dall'estero 
Ieri il presidente Enrico Rossi ha incontrato i consoli di Albania, Bangladesh e Perù in quanto gran parte degli ultimi focolai pandemici toscani ha avuto origine da cittadini stranieri provenienti dai paesi citati. E' stata attivata una collaborazione al fine di informare sulle misure di contrasto alla pandemia per chi arriva in Italia da paesi al di fuori dell'Unione Europea. I punti imprescindibili di questa informazione stabiliscono l'obbligo della quarantena di 14 giorni e della comunicazione del domicilio, oltre che la comunicazione puntuale dell'andamento delle condizioni di salute nel corso della quarantena. Solo attraverso l’adempimento di questi obblighi sarà possibile per il Sistema sanitario regionale garantire una sorveglianza attiva in grado di monitorare e tracciare correttamente la diffusione del virus. È prevista la segnalazione all’autorità giudiziaria per chi non rispetta queste semplici norme di comportamento.

Tra i fattori che concorrono alla diffusione del contagio è stato inoltre rilevato quello del sovraffollamento abitativo. In casi di contagio, il sovraffollamento costituisce un rischio concreto per la propria famiglia e per la propria comunità. Per questo motivo, d’intesa con i sindaci, la Regione ha stabilito che le Aziende sanitarie provvedano a trasferire i soggetti positivi al Covid-19 che abitano in condizioni di sovraffollamento presso alberghi sanitari e che, qualora questo non avvenisse, saranno disposte multe e sanzioni pecuniarie.
  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento