Coronavirus, neonata positiva al Covid-19 ricoverata al Meyer: “Condizioni stabili”

Arrivata all'ospedale pediatrico lo scorso 5 marzo con sintomi respiratori. Per i medici il quadro clinico permane "non preoccupante"

Sono definite “stabili ma non preoccupanti”, le condizioni di una neonata di 50 giorni risultata positiva al coronavirus e ricoverata all'ospedale pediatrico Meyer perché ha accusato sintomi respiratori.

La neonata è arrivata la sera del 5 marzo scorso al pronto soccorso del Meyer, attraverso un percorso protetto, in quanto risultata positiva al tampone per il Covid-19. Suo padre è di Piacenza, una delle “zone rosse”, mentre la madre è originaria di Massa Carrara.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Toscana c'è cui un altro neonato risultato positivo al tampone per il Covid-19. Ha circa tre mesi ed abita a Chiusi, nel Senese: il virus l'ha colpito insieme a tutto il resto della famiglia. Altri due bambini di 10 e 11 anni sono risultati positivi nei giorni scorsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Crisi Coronavirus: chiude lo storico Gran Caffè San Marco

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento