Coronavirus: migliorano le condizioni dei ricoverati. Due nuovi casi nel Senese

Si tratta di un compagno di squadra del calciatore della Pianese già ricoverato a Le Scotte e di un operatore della stessa squadra

Stamani si è nuovamente riunita a Palazzo Strozzi Sacrati l’unità di crisi di emergenza sanitaria - relativa al Covid-19 - guidata dal presidente della Toscana Enrico Rossi. Ecco il punto della situazione.

Migliorano i contagiati

Sono in miglioramento le condizioni cliniche dell’imprenditore fiorentino ricoverato a Ponte a Niccheri, il primo dei casi di coronavirus toscani. Ancora in osservazione, ma clinicamente guarito come già era stato annunciato ieri, il paziente di Pescia che si trova nel reparto di malattie infettive dell’ospedale di Pistoia.

Tra i ricoverati sono in via di miglioramento anche il vicino di casa dell’imprenditore fiorentino e lo studente nordeuropeo, che non presenta quasi più sintomi. Il primo è ricoverato a Careggi e il secondo a Ponte a Niccheri.

Rimane in isolamento domiciliare, ma non ha più febbre, l'uomo di Torre del Lago rientrato da Vò dove si era recato per lavoro.

Due nuovi casi

Ci sono due nuovi tamponi positivi. Riguardano un altro calciatore della Pianese, in provincia di Siena, e un operatore della stessa squadra. Nel primo caso, si tratta di un ragazzo che viveva in casa con il giovane già risultato positivo ieri.

A differenza del compagno di squadra, in buone condizioni anche lui ma ricoverato alle Scotte di Siena, il secondo giocatore è al momento solo in isolamento domiciliare, con lievi sintomi influenzali.

Per l'operatore della squadra di calcio, che ha accusato febbre alta e tosse, è stato disposto invece il ricovero e già si trova a Le Scotte.

Le cifre aggiornate

In Toscana ci sono 884 persone in isolamento domiciliare. Di queste, 393 sono state prese in carico attraverso il numero dedicato delle Asl, 138 sono contatti stretti di casi positivi probabili o confermati e 353 bambini e studenti o loro familiari.

In quest'ultimo caso si tratta di ragazzi di origine cinese, per i quali l'isolamento è scattato in seguito alle segnalazioni arrivate alla Asl Toscana centro (Firenze-Prato-Pistoia) dai dirigenti scolastici, perché allievi di ritorno dalla Cina.

I 393 presi in carico attraverso il numero dedicato delle Aziende sanitarie sono così distribuiti: 165 nella Asl Toscana centro, 113 in quella nord ovest (che comprende le province di Lucca-Massa Carrara-Pisa-Livorno), 115 in quella sud est (Arezzo-Siena-Grosseto).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i 138 contatti stretti dei casi positivi probabili o confermati, 93 sono nell'Asl Toscana centro, 21 in quella nord ovest e 24 in quella sud est.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus, verso un nuovo Dpcm: ipotesi 'coprifuoco' alle 22 ovunque

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus, impennata di nuovi casi: 755 in Toscana 263 a Firenze  

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Coronavirus, Careggi torna al lockdown: stop alle visite dei parenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento