Coronavirus: lockdown-bis e soldi che non bastano, 7 genitori toscani su 10 temono il rientro a scuola

Indagine Ipsos per Save The Children. Preoccupati del contagio ma anche economicamente: la crisi fa crescere il timore di non poter comprare i libri o pagare la mensa scolastica

A pochi giorni dal rientro in classe, con lo spettro del lockdown-bis, tra i genitori degli alunni toscani c'è incertezza e preoccupazione per la riapertura della scuola. Paure aggravate anche dalla condizione economica delle famiglie più fragili.

Per quanto riguarda la ripresa della didattica, a metà agosto il 32% dei genitori della Toscana era a conoscenza della data di riapertura delle scuole, ma oltre 6 su 10 (67%) non avevano ricevuto alcuna comunicazione ufficiale dalle scuole dei propri figli sulle modalità organizzative e sulle norme comportamentali per il prossimo anno scolastico.

E poco più di 1 genitore su 5 sapeva già se la classe del proprio figlio sarebbe stata divisa in gruppi.

Si tratta dei dati dell'indagine di Save the Children, realizzata da Ipsos tra il 4 e il 18 agosto e contenuta nel rapporto “La scuola che verrà: attese, incertezze e sogni all’avvio del nuovo anno scolastico”.

In generale, guardando al nuovo anno, in Toscana più di 7 genitori su 10 dichiarano di avere preoccupazioni relative al rientro a scuola.

La principale è data dall’incertezza circa le modalità di ripresa (50%), seguita dai rischi legati al mancato distanziamento fisico (48%) e quindi dalle possibili variazioni di orario di entrata/uscita da scuola che potrebbero non essere compatibili con gli impegni lavorativi dei genitori (35%).

I nonni tornano così ad essere il pilastro del welfare familiare, per il 39% dei genitori intervistati nella regione. Anche la rinuncia al lavoro o la riduzione dell’orario lavorativo sembra essere una delle opzioni delle famiglie, in particolare quelle con figli più piccoli: una scelta che in Toscana, in linea con i dati nazionali, ricadrebbe su 1 madre su 10 (12%).

Tra le principali preoccupazioni con cui le famiglie in Toscana si trovano a fare i conti con la ripresa dell’anno scolastico, emerge anche l’apprensione legata alle difficoltà di apprendimento, dopo i lunghi mesi di lockdown.

Sebbene quasi tutti siano stati ammessi alla classe successiva senza debiti, il 14% dei genitori ritiene che il proprio figlio non sia pronto ad affrontarne il programma a causa della perdita di apprendimento conseguente alle condizioni imposte dal confinamento.

La preoccupazione per le condizioni economiche peggiorate negli ultimi mesi, si riflette anche sul rientro a scuola: quasi 1 genitore su 10 crede di non potersi permettere l’acquisto di tutti i libri scolastici, più della metà (67%) fra coloro che usufruiscono del servizio mensa si dichiarano preoccupati della possibile sospensione del servizio a causa delle norme anti-Covid, mentre il 14% fra coloro che ne hanno usufruito negli anni passati per i propri figli di 4-12 anni, pensa di non poter sostenere le spese il prossimo anno.

L’organizzazione familiare è resa ancor più complessa dagli spostamenti che per molti studenti sono necessari per raggiungere la scuola.

Garantire il rispetto delle norme sanitarie su mezzi pubblici e scolastici resta ancora un nodo irrisolto sui territori. Basti pensare che per il 34% degli studenti toscani la scuola dista oltre 5 chilometri da casa e per raggiungerla, nella regione, più di uno studente su 4 (il 31%) utilizza mezzi pubblici o scolastici.

Infine, la crisi economica generata dalla perdita di occupazione e guadagni a causa dell’emergenza Covid, ha ripercussioni significative sulla povertà educativa dei bambini.

Dall’indagine Ipsos emerge che in Toscana, quasi 1 genitore su 10 crede di non potersi permettere l’acquisto di tutti i libri scolastici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella regione il 22% ha fatto richiesta di un sussidio per affrontare i costi relativi al prossimo anno scolastico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus: nuovo caso a scuola, classe in quarantena

  • Detenuto per tentato omicidio ferisce un agente e scappa dal tribunale ammanettato: è caccia all'uomo in città

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 21 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 19 settembre 2020: le previsioni segno per segno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento