menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Vado a Firenze a trovare un amico”, ma nel bagaglio ha un chilo di marijuana

La scusa dell’uomo, munito di autocertificazione, non ha ingannato gli agenti polfer

"Vado a Firenze a trovare un amico”, ma nel bagaglio aveva un chilo di 'erba'. La scusa non è bastata a un cittadino nigeriano, arrestato alla stazione Termini di Roma dalla polizia ferroviaria, per detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti.

Il cittadino straniero si è presentato ai varchi dello scalo ferroviario romano, presidiati dagli agenti della polfer, in collaborazione con l’esercito Italiano e  la squadra protezione aziendale di Ferrovie dello Stato, munito di biglietto per Firenze e autocertificazione, pensando fosse sufficiente per effettuare il viaggio.

I servizi di controllo disposti nella Capitale per l’applicazione della normativa concernente le limitazioni alla possibilità di spostamento delle persone fisiche all’interno di tutto il territorio nazionale, lo hanno incastrato.

Gli agenti lo hanno incalzato con domande circa i motivi del suo spostamento e del perché fosse sprovvisto di documento di identificazione. Lo straniero visibilmente agitato, ha confermato di doversi recare a Firenze da un amico.

A quel punto i poliziotti, insospettiti dal suo atteggiamento, hanno controllato lo zaino che indossava a tracolla. L’intuizione degli agenti, rivelatasi corretta, ha permesso di trovare, ben nascosto all’interno del bagaglio, un involucro di cellophane di colore nero contenente 1 chilo di marijuana.

Immediatamente è scattato il sequestro della droga, destinata con ogni probabilità proprio alle piazze di spaccio fiorentine, e l’arresto del cittadino nigeriano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento