menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus e Dpcm: la donna fermata senza mascherina e ammanettata vuole querelare i vigili urbani

I legali hanno chiesto l'immediata "sospensione dal servizio" degli agenti implicati. A loro avviso le immagini certificano "il comportamento sempre civile della signora" che durante la fase del fermo è stata anche separata dal suo cane

Non ci sta e passa al contrattacco. La donna fermata l’altro ieri dalla polizia municipale in piazza della Repubblica per non aver indosso la mascherina, avrebbe intenzione di querelare i vigili urbani per maltrattamento di animali. Non solo.

I suoi legali, Edoardo Polacco e Guglielmo Mossuto, hanno chiesto anche l’immediata "sospensione dal servizio dei vigili implicati" nell’intervento da loro giudicato eccessivamente “cruento”. Lo scrive La Nazione.

Il caso della donna fermata senza mascherina: i fatti

L’episodio è avvenuto in via Pellicceria, nel centro storico, dove alcuni agenti di polizia municipale, in servizio per far rispettare le norme di contenimento, avevano avvicinato la signora chiedendole di indossare il dispositivo di protezione.

Per tutta risposta la donna avrebbe però iniziato a dare in escandescenze, rifiutandosi di fornire le proprie generalità ed era stata poi ammanettata dai vigili urbani, mentre alcuni dei cittadini presenti chiedevano a gran voce agli agenti di lasciarla andare.

La scena è stata ripresa con dei telefoni cellulari ed è diventata virale: molti passanti non hanno infatti gradito l'intervento dei vigili.

Perché la donna denunciata vuole querelare gli agenti della municipale

La donna è stata denunciata per resistenza a pubblico ufficiale, minacce e rifiuto di fornire le generalità e rischia una multa da 400 a 1000 euro. Ma a giudizio dei suoi legali, la realtà è un’altra.

La donna, una casalinga "completamente incensurata", sottolineano, è stata "circondata da un nugolo di vigili urbani, poi lungamente immobilizzata per un braccio, spinta contro una macchina e ammanettata".

E stando alla loro versione anche le immagini finite sui social sono lì a certificare  "il comportamento sempre civile della signora, nonostante il gravissimo shock subito dalla stessa e ancor più dal suo cane, fortemente impaurito dall'operazione” e che “le è stato strappato dalle mani al momento dell'ammanettamento".

Proprio per questo, gli avvocati sarebbero intenzionati a sporgere querela per maltrattamento di animali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento