Coronavirus: Toscana Centro, i dati della strage degli anziani nelle Rsa

Un terzo delle vittime è deceduto nelle residenze per anziani

Le inchieste aperte dalle procure toscane sui decessi e sulla gestione, il governatore Enrico Rossi che decide prendere in carico i contagiati, commissariando le strutture che non sono in grado di curarli e proteggerli da sole. Le polemiche sulle responsabilità, gli scontri politici sui possibili ritardi nel far scattare l'allarme.

Ora, finalmente, su ciò che è accaduto nelle residenze sanitarie per gli anziani della Toscana parlano i numeri. Vediamone i dettagli.

Dall’inizio dell’epidemia, nelle 167 case di riposo e per disabili nell’area dell’Asl Toscana centro (che rappresentano la metà delle strutture presenti in tutta la regione: 322) sono stati registrati 115 decessi, dei quali 82 avvenuti in ospedale, 27 in Rsa e 6 a casa.

Gli ospiti presenti nelle strutture dell’Asl Toscana centro, a oggi, sono poco meno di 6.000 (anche se la capacità di accoglienza è di oltre 7.500 persone). La percentuale delle morti quindi è l’1,9% del totale.

Percentuale bassa ma quantitativamente impietosa: i 115 decessi delle Rsa rappresentano il 33% del totale dei 339 morti registrati alla data del 24 aprile nelle province di Firenze, Prato e Pistoia. Un terzo.

Per avere la percentuale più precisa, ai 339 decessi bisognerebbe peraltro aggiungere il numero delle morti registrate nei 4 comuni della provincia pisana che completano il quadro dell’Asl Toscana centro: Montopoli Valdarno, Santa Croce sull’Arno, San Miniato e Castelfranco di Sotto (si tratta di almeno una decina di casi).

Il 33% è una percentuale molto elevata ma - per quanto ciò non consoli affatto - resta comunque molto al di sotto della media italiana che si attesta al 43%. In questa triste classifica, la Toscana è superata solo dai numeri dell’Emilia Romagna (57%) e della Lombardia (53%).

I dati dello studio fornito dall’Istituto superiore di sanità, registrano che il numero delle morti potenzialmente legate al Covid-19 rappresentano il 40% del totale dei decessi avvenuti tra il primo febbraio e il 17 aprile nelle 1.000 rsa italiane prese in esame.

In quel lasso di tempo sono state registrate, in tutto, 6.773 morti, delle quali 2.724 causate direttamente dal Covid (364) o da sintomi para-influenzali (2.360) attribuibili al Coronavirus, anche se alla persona deceduta non era stato fatto il tampone.

Le percentuali variano molto da regione a regione: in Lombardia i pazienti morti con il Covid o sintomatologie compatibili sono stati il 6,7% degli ospiti, in Emilia il 4% e in Toscana il 2,1%.

Un dato che in Toscana non si discosta molto da quello rilevato tra i decessi resi noti nelle strutture della Asl Toscana Centro, aggiornato al 24 aprile, l’1,9% degli ospiti.

Intanto è alle battute finali lo screening a tappeto effettuato su ospiti e operatori delle Rsa e Rsd: circa 36mila i test sierologici eseguiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’Asl Toscana Centro, sono stati effettuati quasi 6.000 test agli ospiti. I positivi o dubbi sono poi stati sottoposti a tampone: ora risultano con coronavirus 594 persone, quasi il 10%. Dallo screening sugli operatori emerge che su circa 5.800 sottoposti a esami, 181 è positivo: poco più del 3%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

  • Coronavirus: in Toscana altro balzo in avanti, 906 nuovi casi. Cinque decessi, tutti a Firenze

  • Coronavirus: sfondata quota 1.000 nuovi positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento