menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus: la coppia cinese rimane in prognosi riservata

Gli aggiornamenti dall'ospedale Spallanzani

Resta in prognosi riservata la coppia di cittadini cinesi, provenienti dalla città di Wuhan e positivi al test del nuovo coronavirus, ricoverata nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Spallanzani di Roma.
 
Le loro condizioni cliniche - informa l'ultimo bollettino medico diramato dallo Spallanzani - sono stazionarie, con parametri emodinamici stabili. La coppia continua a effettuare il trattamento antivirale.

Per quanto riguarda invece i bambini provenienti dalla Città Militare della Cecchignola, sono senza febbre e in buone condizioni generali. Dopo il primo test, risultato negativo per la ricerca del nuovo coronavirus, ne verrà effettuato un altro.

Nella eventualità di una seconda negatività, nel pomeriggio odierno, il nucleo familiare, unitamente alla donna, sempre proveniente dalla Città Militare e negativa al doppio test, farà  ritorno alla Cecchignola. Il trasferimento avverrà con un mezzo dell’Ares 118 e d’intesa con l’Autorità sanitaria militare.

Sempre lo Spallanzani ha reso noto che il cittadino italiano trasferito giorni fa dalla struttura dedicata della Città Militare della Cecchignola e con infezione confermata da nuovo coronavirus, è in buone condizioni generali e senza febbre. Il paziente continua la terapia antivirale.
 
Presso l'accettazione dell'ospedale romano, sono stati valutati, ad oggi, 53 pazienti sottoposti al test per la ricerca del coronavirus.  Di questi, 38 risultati negativi al test, sono stati dimessi. Quindici invece i pazienti tutt’ora ricoverati: 3 sono casi confermati (la coppia cinese attualmente in terapia intensiva e il giovane proveniente dal sito della Cecchignola), 10 sono pazienti sottoposti a test per la ricerca del coronavirus in attesa di risultato e 2 sono pazienti che, risultati negativi al test, rimangono comunque ricoverati per altri motivi clinici.  

Continua infine la quarantena per le 20 persone che sono state “contatti primari” dei due coniugi cinesi attualmente ricoverati in terapia intensiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento