Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

In serata

Un caso sospetto di Coronavirus, in serata, alla stazione di Santa Maria Novella.

Una signora di 55 anni di ritorno dal Carnevale ha accusato una crisi di tosse mentre si trovava a bordo di un treno proveniente da Venezia.

Ha chiamato il suo medico e poi, su consiglio di quest'ultimo, il numero 1500. Conseguentemente, quando il treno è giunto in stazione,  è scattato il protocollo.

Alla stazione di Santa Maria Novella, la persona è stata presa in carico dai sanitari. L'ambulanza l'ha condotta al policlinico fiorentino di Careggi, per le analisi.

Si registrano ritardi importanti sulla linea ferroviaria e sarebbero anche in corso controlli in stazioni tra Bologna e MIlano. 

AGGIORNAMENTO, MARTEDI' 25 FEBBRAIO ORE 10:00

Il caso sospetto si è rivelato negativo al test del tampone effettuato in laboratorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caldo torrido su Firenze: tre giorni di allerta meteo

  • Incendio in fabbrica a Mantignano: colonna di fumo sulla città / FOTO

  • I turisti non tornano, i residenti se ne vanno: Firenze è sempre più vuota

  • Coronavirus: 217 in quarantena per l'ultimo focolaio

  • Coronavirus: impennata di nuovi casi, cluster di giovani

  • Caffè Rivoire, nuovo proprietario: "Ne farò un brand internazionale da esportare nei luxury mall"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento