menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il venditore di erba 'light' spaccia anche l'erba 'strong': sequestrati 1.300 spinelli

L'esercente-pusher fermato in via San Domenico e denunciato dai carabinieri

Nel corso di un servizio coordinato di controllo del territorio per verificare il rispetto delle norme di contenimento dei contagi da covid-19, i carabinieri della stazione di Firenze Campo di Marte, con il supporto dei colleghi del Battaglione Toscana, hanno sottoposto a controllo un’auto in transito in via San Domenico, con a bordo due persone, entrambe fiorentine.

Nella circostanza, i militari accertavano che all’interno dell’auto, occultati dentro un borsone, erano presenti 288 confezioni di vario taglio, riportanti il logo di una rivendita di cannabis sativa legale e l’indicazione di un valore di principio attivo inferiore al limite di legge, contenenti un sostanza vegetale essiccata, per un peso complessivo di 380 grammi.

Nulla di strano, soprattutto in considerazione del fatto che uno dei soggetti fermati riferiva di essere il titolare della citata rivendita, cosa poi effettivamente accertata e che, asseritamente, stava rifornendo alcuni negozi di tabacchi della zona.

Ma ciò che ha insospettivo i militari è stato tuttavia il rinvenimento, all’interno di un sacchetto per la spesa, senza alcun logo né scritte, di ulteriori 110 grammi di sostanza vegetale essiccata, che, sottoposta a narcotest, dava estio positivo al reagente per la marijuana.

Attese le circostanze e dato che il proprietario di quanto rinvenuto non esibiva alcuna documentazione di trasporto, i militari effettuavano una perquisizione presso la rivendita in questione nonché presso l’abitazione dell’interessato, rinvenendo ulteriore marijuana per un peso complessivo di 1.7 chili della quale il titolare non era in grado di dimostrare la provenienza, nonché circa 270 pacchetti con all’interno oltre 1.300 spinelli contenenti un quantitativo non definito di Thc.

Il titolare del negozio e l'amico sono stati denunciati per possesso illegale di sostanze stupefacenti e, in relazione al fatto di trovarsi per strada senza giustificato motivo, sanzionati anche per violazione delle norme di contenimento del contagio.

Tutto quanto posto sotto sequestro verrà analizzato al fine di accertare se effettivamente il principio attivo rilevato sia superiore ai limiti di legge.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ristoratori e TNI bloccano di nuovo l'autostrada A1: traffico bloccato

  • Cronaca

    Coronavirus: superata quota 1 milione di vaccini in Toscana 

  • Cronaca

    Aosta: trovata morta in casa, viveva in Toscana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento