Coronavirus, anziani morti nella Rsa di Villa Jole di Bagno a Ripoli: caso segnalato alla procura

Numero “consistente” di decessi, i morti tra metà marzo e fine aprile sarebbero 28

“A seguito di attente analisi la Commissione di indagine dell’Ausl Toscana Centro ha inviato una nuova segnalazione al Procuratore della Repubblica di Firenze per approfondimenti sulla Rsa 'Villa Jole'”. Lo si legge in una nota diramata ieri sera da una nota della stessa Ausl Toscana Centro, dopo che l’azienda sanitaria “ha evidenziato un numero consistente di decessi” e “sono in corso ulteriori approfondimenti sulle condizioni cliniche antecedenti ai decessi e le cause di morte per comprendere la situazione, ancora più nel dettaglio”.

Le morti avvenute nella residenza per anziani di Bagno a Ripoli, secondo quanto ricostruisce La Nazione oggi in edicola, sarebbero state 28 tra metà marzo e fine aprile.

Gli accertamenti sono tesi a verificare, tra le altre cose, quante morti, anche precedenti al periodo qui sopra indicato, sarebbero avvenute a causa del contagio del coronavirus e se tutte le misure di sicurezza e i protocolli del caso siano stati rispettati.

“La segnalazione (alla Procura, ndr) è un atto dovuto, è giusto che vengano fatte tutte le verifiche necessarie per accertare l’accaduto e fare luce sulla situazione delle Rsa - commenta il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini -. Ho seguito personalmente l’evoluzione della situazione nelle Rsa e mi sembra doveroso rimarcare che fin da subito la struttura ha dimostrato grande professionalità e impegno nella gestione dell’emergenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus, Giani: “Con questi numeri Toscana gialla o arancione”

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 25 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 27 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 26 novembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento