Coronavirus: contro il rischio di usura e criminalità siglato nuovo patto per l'accesso al credito

Il protocollo mira a facilitare l’erogazione di finanziamenti a famiglie, imprese e lavoratori autonomi in difficoltà: "Fare argine a speculazione e criminalità"

Agevolare l’accesso al credito e velocizzare i tempi di erogazione dei finanziamenti alle imprese e alle famiglie in difficoltà per l'emergenza coronavirus.

Questi gli obiettivi del protocollo regionale, il primo di questo genere in Italia, siglato ieri in Prefettura a Firenze tra i prefetti della Toscana (in foto la prefetta di Firenze Laura Lega), Banca d’Italia, Abi, Agenzia dell’Entrate, Unioncamere, Confindustria, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato Imprese, Cna, Confagricoltura, Legacoop, Coldiretti, Cia e Confapi.

L’iniziativa, promossa dalla Prefettura di Firenze, si inserisce nel quadro degli interventi previsti per evitare che la crisi di liquidità, connessa all’emergenza del virus Covid-19, “possa portare alla rottura dei meccanismi di coesione sociale, nonché a fenomeni di usura o di infiltrazioni illecite nel tessuto produttivo”.

“E’ strategico in questo momento di emergenza - spiega Lega -, rafforzare il patto di fiducia e collaborazione fra istituzioni, banche ed imprese, e facilitare in modo concreto l’accesso al credito per assicurare liquidità e quindi sopravvivenza delle aziende e dei livelli occupazionali”.

Il prefetto mostra anche preoccupazione per la possibile infiltrazione nelle difficoltà economiche, come spesso accade, di criminalità comune e organizzata. “Dobbiamo fare argine all’usura, alle speculazioni selvagge e alle infiltrazioni criminali”, sottolinea infatti Lega.

Cinque i punti di azione qualificanti nei quali si svilupperà la cooperazione tra i soggetti firmatari: attività di supporto da parte degli enti camerali e delle associazioni di categoria alle banche per contribuire ad una più approfondita conoscenza delle singole realtà aziendali/imprenditoriali che chiedono finanziamenti; diffusione della conoscenza delle opportunità di accesso al credito bancario e delle misure di sostegno alla liquidità introdotte dalle misure governative; favorire il dialogo tra gli operatori bancari e i soggetti che richiedono i finanziamenti; monitoraggio dell’andamento, a livello regionale, delle misure creditizie governative; istituzione, presso la Prefettura di Firenze, di un Osservatorio regionale, di cui fanno parte i sottoscrittori del patto e rappresentanti delle prefetture toscane, per seguire l’andamento complessivo delle iniziative a sostegno del credito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il protocollo, che rimane aperto all’adesione di altri soggetti pubblici e privati, ha durata fino al termine dell’attuale situazione emergenziale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus: nuovo caso a scuola, classe in quarantena

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 21 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Crisi Coronavirus: chiude lo storico Gran Caffè San Marco

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Elezioni regionali e referendum: boom affluenza in Toscana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento