Cronaca

Il coprifuoco slitta a mezzanotte: boccata d'aria per ristorazione e turismo

Dal 7 giugno a casa entro le 24 in zona gialla, il 21 giugno l'abolizione

Da lunedì 7 giugno il coprifuoco si sposterà a mezzanotte, secondo quanto deciso dal governo. Un ulteriore allentamento delle restrizioni dopo la frenata dei contagi e la campagna vaccinale che procede ora ad un ritmo più spedito. E dopo che, a partire dal 1° giugno, la consumazione di cibo e bevande nei locali è stata consentita anche al chiuso.

In zona gialla ci si potrà muovere liberamente tra le 5 e le 24, mentre da mezzanotte alle 5 del mattino gli spostamenti saranno consentiti solo per motivi di salute, lavoro, necessità, urgenza. Bisognerà attendere altre due settimane per l'eliminazione completa del coprifuoco, che avverrà dal 21 giugno. 

Una data in cui la Toscana spera di raggiungere la zona bianca. Ne ha parlato nelle scorse ore lo stesso Presidente della Regione Eugenio Giani, auspicando anche un anticipo dell'ulteriore allentamento atteso.

L'anticipo del coprifuoco viene salutato positivamente dagli operatori della ristorazione, del turismo e dei locali. Coldiretti ha fatto sapere che nel primo weekend di riapertura anche al chiuso gli incassi sono triplicati nei circa 360mila bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi italiani associati.

Secondo quanto calcolato da Fiepet Confesercenti, nei soli locali di Roma, un'ora in più di apertura serale si traducono in 3,5 milioni in più di fatturato ogni giorno. Numeri importanti che, c'è da scommeterlo, faranno tirare un sospiro di sollievo anche a Firenze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il coprifuoco slitta a mezzanotte: boccata d'aria per ristorazione e turismo

FirenzeToday è in caricamento