Cooperante morto a Capo Verde: aperta inchiesta per omicidio

La Procura di Roma apre fascicolo: salma trasferita al Gemelli per una seconda autopsia

La Procura della Repubblica di Roma ha aperto un'inchiesta sulla morte di David Solazzo, il cooperante fiorentino di 31 anni morto il primo maggio snella sua abitazione sull'isola di Fogo, nell'arcipelago di Capo Verde: l'ipotesi di reato è omicidio.

A darne notizia il legale della famiglia del giovane cooperante, l'avvocato Giovanni Conticelli. La salma del giovane cooperante, rientrata ieri pomeriggio in Italia all'aeroporto di Fiumicino, sarebbe per questo motivo stata sequestrata e trasferita al policlinico Gemelli dove verrà eseguita una seconda autopsia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal primo esame eseguito sull'isola di Fogo David presentava tre profonde ferite da taglio sul braccio destro. Gli inquirenti capoverdiani propendono per l'ipotesi dell'incidente domestico, ma i familiari del 31enne ritengono questa ricostruzione non credibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento