Controlli sulle spiagge libere: portati via ombrelloni e sdraio 

Contrasto al noleggio abusivo di unità da diporto – spiagge libere

Controlli sulla costa toscana per verificare quanti lasciano ombrelloni e sdraio nella notte sulle spiagge libere. Nei giorni scorsi è stato dato il via ad una serie di interventi sul litorale che hanno permesso di sgomberare ampi tratti di spiaggia libera da centinaia di attrezzatture (ombrelloni, sdraio, lettini, gazebi ed altro) che venivano lasciate, sul posto, per giorni, ad occupare gli spazi pubblici.

In particolare con tre operazioni in pochi giorni, l’ultima delle quali compiuta ieri mattina sul litorale di Cecina con la collaborazione del locale comando di polizia municipale, è stato sottoposto a controllo un tratto di spiaggia di ben 5 chilometri, compreso tra le località di Vada, Mazzanta, sino a Cecina appunto, con la rimozione di circa un centinaio di attrezzature balneari (ombrelloni, sdraio, lettini, gazebo) lasciate per occupare i posti migliori per il giorno successivo. Sette persone sono state individuate e sanzionate per tali illegittimi comportamenti, in violazione delle ordinanze balneari emanate dai comuni costieri.

Analogo intervento, con numeri ancora più elevati è stato compiuto dal personale della guardia costiera di Porto Santo Stefano, in collaborazione con la polizia municipale del comune di Orbetello, sul tratto di litorale antistante la via Aurelia e località “le saline”. Anche in questo caso, in due distinte operazioni si è proceduto al controllo di circa 4 chilometro di litorale e sono state oltre 700 le attrezzature da spiaggia rinvenute e sequestrate poiché lasciate incustodite ed al fine di occupare tratti di arenile libero.

“Queste operazioni vengono compiute in adesione a quanto disposto a livello nazionale dalle direttive ministeriali emanate ad inizio stagione in materia di controlli sulle spiagge e in mare – commenta l’Ammiraglio Tarzia, Direttore marittimo della Toscana – e hanno consentito di restituire al pubblico uso ampi tratti di spiaggia libera che risultavano di fatto abusivamente occupati da ombrelloni, lettini e sdraio lasciati appositamente oltre gli orari consentiti o collocati senza alcun titolo concessorio e/o autorizzativo. Questo tipo di vigilanza – continua l’ Ammiraglio –proseguirà anche nei prossimi giorni in vista del periodo più affollato per le spiagge toscane, in cui è importante garantire il diritto di ognuno ad usufruire degli spazi a destinazione pubblica”.

L’invito della guardia costiera toscana per il prossimo Ferragosto è quindi quello verso un  comportamento responsabile da parte di tutti coloro che affolleranno le spiagge e il mare della nostra regione, affinché tutti possano godere di un sereno periodo di vacanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

  • Coronavirus: in Toscana altro balzo in avanti, 906 nuovi casi. Cinque decessi, tutti a Firenze

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento