Cronaca

Controlli nel locale etnico: scatta la chiusura

Rilevate violazioni in materia di igiene, occupazione suolo pubblico e insegne pubblicitarie con sanzioni per oltre 4mila euro

Violazioni in materia di igiene che hanno determinato la chiusura dell’attività, ma anche irregolarità per quanto riguarda l’occupazione del suolo pubblico e le insegne pubblicitarie. È quanto ha scoperto la polizia municipale durante un controllo a una rosticceria etnica nel Quartiere 4. L’intervento, effettuato ieri, rientra nei servizi mirati sulle occupazioni del suolo pubblico ed è proprio per approfondire questa prima irregolarità rilevata con il gestore che gli agenti sono entrati all’interno della rosticceria. E immediatamente si sono resi conto di alcune evidenti criticità in materia di igiene e sicurezza del consumatore.

Prima di tutto tre ghiacciaie a pozzetto presenti avevano il coperchio aperto e all’interno erano contenute varie tipologie di cibo congelato. Gran parte degli alimenti erano raccolti in semplici buste di plastica o in contenitori generici di alluminio, senza alcuna indicazione circa la natura, la provenienza e la data di congelamento. Nei contenitori si trovavano sia cibi crudi che cibi cotti, preparati e poi surgelati per un consumo successivo. Presenti anche molte buste di tranci di pesce, dalle quali non era possibile risalire alla natura dell’animale. I frigoriferi erano sporchi e privi di termometro a vista che permettesse di controllare la temperatura. E ancora sopra gli alimenti congelati erano appoggiati piatti di pesce crudo già tagliato. Anche il pavimento era molto sporco e su questo erano appoggiati alcuni sacchi di riso aperta.

A questo punto la pattuglia ha chiesto l’intervento degli operatori dell’ASL che, dopo aver visto la situazione, hanno ordinato l’immediata sospensione di qualsiasi attività di vendita, riservandosi di autorizzare la riapertura solo dopo l’attuazione di una lunga lista di prescrizioni inerenti l’igiene. Tutto il cibo privo delle informazioni previste dalla legge sarà consegnato ad Alia per la sua distruzione a spese del gestore. 

Salato anche il conto delle sanzioni da pagare: per le violazioni in materia di igiene scatteranno multe per 3.500 euro a cui si aggiunge quella per l’occupazione abusiva di suolo pubblico (400 euro) e quella per l’insegna pubblicitaria priva di autorizzazione (430 euro).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli nel locale etnico: scatta la chiusura

FirenzeToday è in caricamento