rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Cronaca Novoli

Nuovi controlli mirati della polizia municipale ai bus di linea internazionali

Gli agenti del reparto di Rifredi al lavoro la vigilia di Natale. Due mezzi sequestrati e migliaia di euro di sanzioni

Sei bus stranieri controllati con irregolarità a carico di cinque, due mezzi sequestrati e diverse migliaia di euro di sanzioni. È questo l’esito del secondo controllo mirato della polizia municipale sui bus delle linee internazionali scattato la mattina della vigilia di Natale.

L’operazione del reparto di Rifredi è iniziata alle 6.30 di mattina con il presidio svolto da due pattuglie con auto civetta in due fermate molte utilizzate dai bus, quella autorizzata in viale Guidoni e quella irregolare in viale degli Astronauti.  Sei i bus controllati, cinque albanesi e un kosovaro.  

Gli agenti hanno aspettato la conclusione delle operazioni di carico di passeggeri e bagagli e, intorno alle 7.30, è scattato l’intervento: quattro auto con le insegne e una pattuglia di motociclisti hanno intercettato i sei bus (e li hanno scortati in piazza Artom per gli accertamenti. I controlli sono stati a tutto campo, dalla regolarità dell'esercizio della linea alle dotazioni di sicurezza dei bus, al rispetto dei tempi di guida fino ai bagagli trasportati.

Per cinque mezzi sono state riscontrate irregolarità. Il conducente di un bus albanese diretto a Durazzo autorizzato sulla linea extra UE con l'Albania è risultato non autorizzato a transitare dalla Toscana. Dal controllo del disco del cronotachigrafo è emerso che era partito da Ponsacco, dove aveva caricato 4 passeggeri a cui si erano aggiunti ulteriori 3 saliti a Montecatini come confermato dalla verifica dei loro titoli di viaggio. Nei vani portabagagli sono stati trovati troppi pacchi per i passeggeri a bordo e con nominativi diversi. Per il conducente sono scattate le sanzioni per il trasporto non autorizzato di merce (con il pagamento immediato di 1.400 euro) e per la linea non autorizzata (pagamento immediato di 400 euro). Il bus è stato sequestrato e la carta di circolazione ritirata con l'obbligo di custodire il bus all'interno del territorio nazionale.

Stesse sanzioni per il conducente di un bussino da 16 posti con i vetri oscurati e targa kosovara. L’uomo ha dichiarato di effettuare la linea passeggeri per il Kossovo, linea che però è risultata non autorizzata. Inoltre gli agenti hanno scoperto che il veicolo era completamente pieno di pacchi tra cui quattro termosifoni.

Verbale da 1.400 per il trasporto di merci illegale anche per il conducente di un altro bus albanese. Nel mezzo, oltre ai bagagli dei passeggeri presenti sul bus, gli agenti hanno trovato un’ingente quantità di merce (da televisori ad elettrodomestici) tra cui un motore fuoribordo che mancando qualsiasi riferimento sul possesso e la destinazione è stato preso in carico dagli agenti in attesa di successivi riscontri.  In questo caso la sanzione prevede il pagamento immediato di 1.400 euro.

Infine multati anche i conducenti di altri due bus albanesi per la mancanza dei dischi del cronotachigrafo che, per legge devono essere dei 28 giorni antecedenti a quello del giorno di controllo per poter consentire il controllo del rispetto dei tempi di guida. Per entrambi è scattata una sanzione di 52 euro.

Questi controlli arrivano al termine di una attività  informativa preliminare con la Direzione Generale per la sicurezza stradale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, organo che disciplina l'autotrasporto di persone d'interesse nazionale nell’ambito dell’Unione Europea e internazionale, che ha fornito il necessario supporto normativo. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi controlli mirati della polizia municipale ai bus di linea internazionali

FirenzeToday è in caricamento