rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca Impruneta

Omicidio Da Lio, altre due condanne per la morte del pasticcere

Due cittadini albanesi sono stati condannati a 24 e 30 anni di reclusione con l'accusa di omicidio volontario nei confronti di Massimiliano Da Lio. Il pasticcere fu ucciso nella sua casa nell'aprile del 2010

Arrivano altre due condanne nella triste vicenda dell’omicidio Da Lio, il titolare della pasticceria Fabiani a San Gaggio aggredito e ucciso il 26 aprile del 2010 nella sua abitazione di Tavarnuzze. In primo grado sono stati condannati due cittadini albanesi Sandiljian Buzhala e Edinio Nikaj.  La pena inflitta, con l'accusa di omicidio volontario, è di 24 e 30 anni di reclusione.

LE PRIME CONDANNE

Nikaj è accusato di aver fatto da intermediario tra i mandanti dell'omicidio e gli esecutori materiali, Buzhala di aver partecipato materialmente al pestaggio. Secondo i giudici, Da Lio fu ucciso nel corso di una spedizione punitiva per questioni di denaro voluta da Carmello Casella, un ex dipendente del fratello, già condannato in secondo grado a 16 anni per rapina, sequestro di persona e omicidio preterintenzionale insieme a Fabrizio Maioriello e Erald Nikaj.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Da Lio, altre due condanne per la morte del pasticcere

FirenzeToday è in caricamento