Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca

San Jacopo Sopr’Arno, la chiesa “col culo” nel fiume

In Borgo San Jacopo si trova l’omonima chiesa, chiamata dagli irriverenti fiorentini “la chiesa col culo in Arno”. Risalente al X- XI secolo, l’edificio venne costruito in stile romanico, mentre dal 2006 è divenuta una chiesa greco-ortodossa assegnata dalla Diocesi di Firenze all'Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e di Malta.

A questa Chiesa si lega il tradizionale palio dei Navicelli: il 25 luglio, in occasione di San Jacopo, i barcaioli fiorentini si sfidavano fin dal 1200 in una specie di regata lungo il fiume, percorrendo un tratto via acqua da Ponte Vecchio fino alla pescaia di Santa Rosa. Ispirato probabilmente alle naumachie del mondo antico, il palio dei Navicelli, in onore del Santo, partiva proprio dalla Chiesa di San Jacopo Sopr’Arno.
Secondo quanto riportato dal Vasari, proprio qui il grande Brunelleschi costruì nel 1418 una copertura a cupola in cui sperimentò su scala ridotta le tecniche che utilizzerà in futuro per realizzare la maestosa Cupola del Duomo. 

La particolarità della Chiesa è rappresentata dal fatto che l’abside, così come le abitazioni ad essa vicine, poggiano sui caratteristici “sporti”, ovvero delle protuberanze architettoniche che sorreggono i palazzi facendoli sporgere sul fiume o, come suggerisce il nome ufficiale dell’edificio, “Sopr’Arno”. Quando il livello del fiume sale, è facile osservare come le acque vadano a lambire l’abside di San Jacopo, per questo motivo soprannominata dai fiorentini “la chiesa col culo in Arno”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Jacopo Sopr’Arno, la chiesa “col culo” nel fiume
FirenzeToday è in caricamento