Cessione alla Juve: fuori dallo stadio striscione contro Chiesa / FOTO

Firmato dal gruppo 'Fuori dal Coro - 1926': "Firenze non è più casa tua"

Foto Facebook, 'Fuori dal Coro 1926'

Continua a far 'discutere', per usare un eufemismo, la cessione di Federico Chiesa alla Juventus. Sui social utenti e tifosi scatenati contro l'ormai ex attaccante gigliato.

'Tradire chi ti ha cresciuto e protetto, la più grande grande mancanza di rispetto. Firenze non è più casa tua', si legge in uno striscione apparso sulla cancellata fuori dallo stadio Artemio Franchi (foto sopra, postata sul gruppo Facebook 'Fuori dal Coro - 1926').

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E sui social nelle ultime ore si susseguono post e video sul giocatore, alcuni pieni di offese nei confronti dell'attaccante e anche della famiglia (in particolare del padre Enrico, ex calciatore e che indossò a fine anni '90 la maglia viola per tre stagioni: 59 presenze in campionato con 34 reti).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

  • Coronavirus: in Toscana altro balzo in avanti, 906 nuovi casi. Cinque decessi, tutti a Firenze

  • Coronavirus: sfondata quota 1.000 nuovi positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento