Chianti: cementificio Testi verso la chiusura, in cento rischiano il posto. Scatta la mobilitazione / FOTOGALLERY

Lavoratori dell'azienda di Greve in Chianti e sindacalisti espongono striscioni nei luoghi simbolo di Firenze. In mattinata incontro in Confindustria

Il cementificio Testi di Greve in Chianti che conta 70 dipendenti, più 30 di indotto, rischia di chiudere.

Per questo motivo, stamani, si è tenuta una protesta itinerante di sensibilizzazione sulla vertenza di sindacati e lavoratori, nei luoghi simbolo di Firenze.

Ritrovo all'alba per dipendenti e sindacalisti che hanno esposto degli striscioni sul Ponte Vecchio, a Palazzo Vecchio e in piazza Santa Croce.

Previsto, sempre nella mattinata, un incontro a Confindustria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus, verso un nuovo Dpcm: ipotesi 'coprifuoco' alle 22 ovunque

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus, impennata di nuovi casi: 755 in Toscana 263 a Firenze  

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Coronavirus, Careggi torna al lockdown: stop alle visite dei parenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento