rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Cronaca

Fillea Cgil lancia l'allarme contro i "colpi di calore nei cantieri”

Appello alle imprese: “Applicare le linee guida vigenti: diversa organizzazione dei turni di lavoro, riposi all’ombra, dotazione di acqua, fino al ricorso alla Cassa integrazione” 

In questi giorni di gran caldo afoso la Cgil mette in guardia dai colpi di calore. “Per coloro che svolgono attività lavorativa all’aperto come lavori stradali, idrici e del gas, per chi è sui tetti o sulle impalcature si adottino misure di protezione adeguate (diversa organizzazione dei turni di lavoro, riposi all’ombra, dotazione di acqua) non escludendo, nei casi previsti, il ricorso alla cassa integrazione (così come si fa quando piove). Tanti lavoratori, preoccupati, ci segnalano situazioni di allarme e pericolo. Richiamiamo quindi tutte le imprese edili e non edili che hanno dipendenti esposti al rischio del colpo di calore ad adottare e rispettare le linee guida della Regione Toscana, che già aveva da parte sua riproposto il tema a fine maggio scorso”.

“La nostra attenzione al problema viene da lontano ma solo negli ultimi anni si è raggiunto un accordo di tutela, che abbiamo visto applicare concretamente nei cantieri del Comune di Firenze per le linee 2 e 3 della tramvia, accordo che giustamente viene ricordato ogni anno ma che a nostro avviso è ancora poco praticato”.


“Serve uno sforzo comune affinché dalla teoria si arrivi ad una pratica consolidata che consenta agli addetti ai lavori delle costruzioni - che già di per sé sono a rischio, vista la pericolosità delle lavorazioni del settore delle costruzioni - di poter lavorare salvaguardando salute e sicurezza nel luogo di lavoro”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fillea Cgil lancia l'allarme contro i "colpi di calore nei cantieri”

FirenzeToday è in caricamento