Centro, spray al peperoncino in discoteca: bloccati due giovani 

I ventenni sono stati portati in questura. Fondamentale l'intervento del personale di sicurezza che li ha riconosciuti

Fermati due ventenni, italiani di origini nordafricani, ritenuti essere parte del trio che la scorsa settimana ha aggredito un 32enne all'interno del privè della discoteca Yab. Motivo per cui l'uomo verrà poi trasportato all'ospedale di Santa Maria Nuova. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fondamentale per ricostruire quanto sarebbe avvenuto nel locale di Via de' Sassetti, precisa il sito di Firenze, sarebbe stato l'impianto di videosorveglianza e il personale di sicurezza. Ieri sono stati loro a notare la coppia e intrattenerla fino all'arrivo della volante della polizia. Infatti nei filmati del locale si vedrebbe il trio che accerchia l'uomo tentando poi di strappargli una catenina. Dei due giovani uno è stato denunciato per lesioni mentre sono in corso accertamenti  per verificare le responsabilità dell'altro. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento