Cronaca Bagno a Ripoli

Tegola sul centro sportivo della Fiorentina: indagini sui rifiuti, sequestrata porzione di terreno

Aperta un'inchiesta contro ignoti sulla gestione dei rifiuti nel sottosuolo: nessun esponente della società viola risulta indagato

Foto d'archivio, l'area dove sorgerà il centro sportivo della Fiorentina

La procura di Firenze ha aperto un'inchiesta per presunta gestione di rifiuti non autorizzata sui terreni di Bagno a Ripoli dove deve sorgere il nuovo centro sportivo della Fiorentina. Lo riporta oggi il Corriere Fiorentino, che sottolinea come l'inchiesta sia contro ignoti e che nessuna persona, né tanto meno esponenti della società viola, risulti al momento indagata.

Inoltre, secondo quanto scrive l'Ansa, una porzione minore dell'area - quella dove sarebbero stati interrati i rifiuti - è stata posta sotto sequestro. Il legale della Fiorentina, riporta sempre l'agenzia, ha fatto sapere che la società risulta estranea alla vicenda.

Nelle scorse settimane i tecnici dell'Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana (Arpat) si sono presentati nell'area su delega del pm Fedele La Terza e hanno interrotto per alcune ore i lavori, allo scopo di effettuare dei carotaggi e prelevare campioni di terreno.

Questi ultimi saranno analizzati per stabilire la natura dei rifiuti eventualmente presenti, quando questi siano stati depositati e se il suolo sia stato contaminato. La Fiorentina ha già nominato un proprio consulente per l'esame dei campioni. L'indagine, secondo quanto scrive l'Ansa, sarebbe partita a seguito della segnalazione di un residente. (Foto d'archivio, l'area dove sorgerà il centro sportivo della Fiorentina)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tegola sul centro sportivo della Fiorentina: indagini sui rifiuti, sequestrata porzione di terreno

FirenzeToday è in caricamento