Case popolari: in arrivo 11 milioni per recuperare e ristrutturare oltre 80 alloggi

Saranno utilizzati per gli ultimi alloggi alle Murate, ricostruirne 40 in via Rocca Tedalda e recuperare 32 appartamenti 'volano'

Foto d'archivio, il retro delle nuove case popolai di viale Giannotti consegnate 3 anni fa

Recupero degli ultimi 16 alloggi rimasti da ristrutturare alle Murate, realizzazione di 40 nuovi alloggi (dopo la demolizione dei vecchi) nel complesso erp di via Rocca Tedalda e ristrutturazione di 32 appartamenti da destinare ad alloggi volano: questi gli interventi che saranno realizzati con gli 11 milioni e 64mila euro in arrivo al Comune dal governo tramite il Cipe – il Comitato interministeriale per la programmazione economica - per realizzare edilizia popolare.

La Giunta regionale toscana ha approvato nei giorni scorsi la delibera, proposta dall’assessore regionale alla casa Vincenzo Ceccarelli, con la quale ripartisce tra i Comuni toscani il finanziamento ministeriale, indicando anche Firenze come realtà dove il disagio abitativo si fa sentire e necessita di interventi.

Nel dettaglio, alle Murate saranno recuperati 12 alloggi (collocati nei piani dal primo al terzo del della cosiddetta Y) e 4 appartamenti che danno su via Ghibellina. “Con questi lavori il complesso dell’ex carcere sarà completamente riqualificato. I 16 alloggi si aggiungeranno ai 90 già ristrutturati e assegnati ai fiorentini”, si legge in una nota diffusa da Palazzo Vecchio.

In via Rocca Tedalda, invece, saranno demoliti 32 appartamenti e realizzati 40 nuovi alloggi di varie superfici (per nuclei familiari formati da un minimo di due persone a un massimo di 5) a cui si aggiungerà la ristrutturazione di 32 alloggi erp cosiddetti 'volano' (alloggi di risulta) in cui saranno trasferite le persone che attualmente risiedono negli appartamenti di via Rocca Tedalda (e che appunto dovranno 'traslocare' per consentire demolizione e ricostruzione).

“Con le case popolari all’ex carcere delle Murate contribuiamo a riportare i residenti in centro”, commenta l'assessore comunale alla casa Andrea Vannucci. “Siamo al lavoro affinché i cantieri inizino il prima possibile (una data ancora non c'è, ndr). Siamo già partiti con gli studi di fattibilità e la progettazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo, a primavera prossima, in ritardo sulla tabella di marcia, dovrebbero arrivare gli 88 nuovi alloggi di via Torre degli Agli, a Novoli: anche in questo caso si è trattato di abbattere i vecchi alloggi e ricostruirne di nuovi, in numero maggiore e con maggiore efficienza energetica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

  • Coronavirus: in Toscana altro balzo in avanti, 906 nuovi casi. Cinque decessi, tutti a Firenze

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento