Mette in scena il suo funerale con tanto di carro d'epoca e corteo funebre

Il giovane ha chiesto e ottenuto i permessi dalla direzione mobilità di Palazzo Vecchio

Un funerale da vivo, con tanto di carro d'epoca e corteo funebre pedonale a seguire. Se l'è organizzato Giuseppe Vetrano, 33 anni e andrà in scena sabato 18 gennaio, alle 23.30, al piazzale del Parco delle Cascine. "Partiremo dal piazzale del Re, attraverseremo il viale degli Olmi e termineremo il corteo a piazzale Jefferson - spiega Giuseppe tra il serio e il faceto - lì c'è tanto spazio per lasciare le auto e gli scooter".

Ma come ti è venuta in mente una cosa del genere?

"Vedi, io faccio il cantante e ho tre grandi passioni: la musica hard rock e metal, il vintage e le auto d'epoca. Così, qualche anno fa mi sono messo a cercare un vecchio carro funebre, un mezzo d'epoca, per utilizzarlo come mio mezzo privato, quotidianamente. L'ho trovato due anni dopo, in Basilicata. E adesso ci giro regolarmente a Firenze, dove abito ormai da anni. Ci ho montato sopra tutti gli accessori, lo tengo molto bene"

E quando passi, cosa succede?

(Ride) "Beh è chiaro, la gente si tocca ma devo dire che la maggior parte delle persone intuisce e sorride, senza abbassare le mani"

Torniamo al tuo funerale

"Si, il funerale. Dicevo, io giro con questo carro funebre. L'anno scorso ho detto ai miei amici che a fine gennaio sarei dovuto tornare in Puglia, la mia regione di origine, a causa di alcuni problemi familiari. Gli amici mi hanno detto che non potevo andarmene così, dovevo fare una festa, o qualcosa del genere, per celebrare questo addio. Allora, visto che ho il carro funebre, ho pensato: perchè non farmi un bel funerale? Così mi sono messo a indagare per capire come fare, che documenti presentare eccetera"

Ma da Palazzo Vecchio che hanno detto? Hanno pensato a uno scherzo?

"No, no. Ho fatto la richiesta un mese fa, è semplice, sono stati molto carini. Hanno compreso lo spirito ironico dell'idea, conoscendo lo spirito dei fiorentini mi sarei meravigliato del contrario. Una cosa irriverente, non irrispettosa. Un modo per esorcizzare la morte. La mia richiesta è passata in commissione, la polizia municipale mi ha appoggiato e mi ha spiegato tutto, mi hanno anche fissato la data e specificato quale era l'orario stabilito per il funerale. E alla fine, la richiesta è stata approvata dalla direzione mobilità di Palazzo Vecchio”

Come si svolgeranno le esequie?

"Ah, io sicuramente sarò nella cassa da morto, sono il festeggiato. Il carro lo guida un amico"

E quindi non assisterà al suo funerale?

"No, ma dalla cassa qualcosa vedrò pure. E poi metterò la musica"

La musica?

"Certo, come a ogni funerale. Ho già preparato la playlist, farò il dj dalla cassa. Tutta musica trash anni '90, tipo Eiffel 65 e simili. Roba ballabile, la gente si divertirà. La spariamo con le casse bluetooth"

Le esequie si svolgeranno in forma privata?

"Macché, io ho chiamato amici e conoscenti ma ho detto loro di portare chi vogliono. Tutti sono invitati"

Dress code?

"Non c'è, ovviamente: libera interpretazione, chiedo solo creatività. Ah, stasera metto qualche manifesto in centro, tipo necrologio di paese. L'avevo chiesto anche a un quotidiano, di mettermi nella pagina dei necrologi. Ma non l'hanno presa bene"

E a fine gennaio lasci Firenze?

"No no. Fortunatamente, ho risolto i miei problemi familiari. Resto qui. Ma ormai il funerale me lo faccio lo stesso"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Coronavirus: dalla Cina stanno rientrando a Prato e Firenze 2.500 persone

  • Folle inseguimento, paura sui viali: 14enne semina il panico

  • Campi Bisenzio, rivende merce rubata ai Gigli davanti ai Gigli: denunciata

  • Lavoro: concorso per 84 assunzioni in Regione Toscana

  • Via San Zanobi, donna trovata morta in albergo. Caccia al compagno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento