rotate-mobile
Cronaca

Casa, corteo contro sfratti e sgomberi: "Occuperemo ancora" / FOTO

Il Movimento per la Casa contro il Comune: "Soldi spesi male per l'emergenza abitativa, se non ci date case non resta che occupare"

Un centinaio di persone hanno manifestato questa mattina per chiedere lo stop a sgomberi e sfratti in città, prima di fronte alla prefettura di via Cavour e poi in piazza del Palagio di Parte Guelfa, dove ha sede l'assessorato al sociale guidato da Sara Funaro.

“La gestione dell'emergenza casa è fallimentare. A giugno è terminato il progetto per l' 'accoglienza di prima soglia' destinato a bambini e donne per un periodo massimo di 3 mesi. Costava una cifra folle, 680 euro a posto letto, soldi gestiti malissimo e con i quali avrebbe potuto essere messa in piedi un'accoglienza più stabile e dignitosa”, accusa Luca Toscano, del Movimento di Lotta per la Casa, che guidava il corteo.

Firenze resta una delle città in Italia con più sfratti programmati, circa 130 al mese (anche se non tutti vengono poi effettivamente eseguiti). La situazione è esplosiva, nella varie occupazioni in città vivono almeno 600/700 persone (a cominciare dall'occupazione dell'immobile dei gesuiti in via Spaventa), mentre resta alto il numero degli appartamenti privati inutilizzati, che secondo il Movimento per la Casa sarebbero circa 11mila.

“E' da gennaio che l'assessore Funaro promette 350 'alloggi volano' (una sorta di sistemazione provvisoria in attesa dell'assegnazione di una casa popolare o di altra soluzione, ndr), ma ad oggi sono solo 12. Perché nessuno gliene chiede conto?”, chiede Toscano, che annuncia nuove occupazioni: “Se ci sono persone senza casa e la situazione non si risolve è l'unica soluzione”.

FOTO - Emergenza casa, corteo contro sfratti e sgomberi

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa, corteo contro sfratti e sgomberi: "Occuperemo ancora" / FOTO

FirenzeToday è in caricamento