menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una cartolina da Firenze contro il razzismo  

Opera di Sergio Staino 

Una cartolina contro il razzismo. L’ha realizzata il vignettista Sergio Staino, su iniziativa di Comune di Firenze, A.N.V.A Firenze, Associazione Cassettai, Confesercenti città di Firenze e si inserisce, a pieno titolo, nel progetto del patto antirazzista “Firenze non odia” voluto dal sindaco Dario Nardella e lanciato alcuni mesi fa dall’amministrazione comunale sui temi della tolleranza e vicinanza tra i popoli, e che, in questo momento, dopo i tragici eventi accaduti negli Usa, sono  tornati prepotentemente all’attenzione di istituzioni ed opinione pubblica.

La cartolina, presentata ieri in Palazzo Vecchio dal sindaco e da Sergio Staino, alla presenza di Lapo Cantini, responsabile Confesercenti città di Firenze, Massimo Lombardi e Marcello Mini dell’associazione cassettai, verrà distribuita nelle principali piazze storiche della città attraverso le postazioni ambulanti del turno ( Piazza Signoria, Duomo, Santa Croce, Michelangelo) e nei bookshop dei musei civici.

“Ringrazio Sergio Staino, Confesercenti e i cassettai per questa bella iniziativa. – ha detto il sindaco Nardella – Dai prossimi giorni troveremo questa cartolina disegnata da Staino nei banchi dei cassettai fiorentini e nei bookshop dei musei del Comune. Quest’idea si collega al patto antirazzista ‘Firenze non odia’ che abbiamo lanciato mesi fa, una campagna che purtroppo si è dovuta fermare con l’emergenza sanitaria. Ma se abbiamo toccato con mano come il virus abbia fermato tanti aspetti della nostra vita individuale e collettiva, abbiamo imparato che però non ha fermato il razzismo, tanti fatti lo dimostrano, pensiamo a quanto avvenuto negli Usa. C’è quindi bisogno di tutto l’impegno delle donne e degli uomini che credono nella civile convivenza, nell’incontro e nel dialogo tra popoli. Sono orgoglioso che Firenze sia un faro nella lotta contro ogni forma di razzismo, noi continueremo a fare la nostra parte con ogni mezzo per questa causa così alta e così giusta”.  

“Un’iniziativa molto importante, crediamo in questo patto antirazzista e pensiamo vada rilanciato. – fanno presente Lapo Cantini di Confesercenti, Massimo Lombardi e Marcello Mini dell’Associazione Cassettai - A Firenze l’integrazione tra popoli e la fratellanza devono essere una priorità. Confesercenti e cassettai quindi si sono uniti per amplificare messaggio della campagna ‘Firenze non odia’, distribuendo questa cartolina che è anche un pezzo esclusivo realizzato da un maestro della vignettistica contemporanea come Sergio Staino”.

“Ho disegnato la Firenze che sogno, partendo dalla tradizione antica, due personaggi fondamentali per la cultura mondiale nati e vissuti in questa terra, e lanciando un messaggio di gentilezza e umiltà verso il mondo”, ha spiegato Staino.

Nei prossimi giorni la cartolina verrà inoltre spedita, direttamente dalle poste di Piazza Repubblica, ai rappresentanti delle principali istituzioni a livello nazionale e locale e alle personalità che si sono particolarmente distinte, negli ultimi anni, per l’impegno su questi temi, tra questi: il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, il presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il presidente del Consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani, il presidente del Consiglio comunale di Firenze Luca Milani, il presidente della commissione Sviluppo economico del Comune Enrico Conti, la senatrice a vita Liliana Segre, la ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus: 526 nuovi positivi e 6 decessi in Toscana

  • Meteo

    Maltempo: nuova allerta in Toscana

  • Cronaca

    Sedicenne in fuga con l’influencer di TikTok

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento