menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Careggi: intervento all'arteria, caso di morte sospetta

A causare il decesso potrebbe essere stato un ematoma. Episodio non segnalato come "evento sentinella"

Caso di morte sospetta a Careggi dopo un trattamento di rivascolarizzazione. Un intervento che in alcuni pazienti serve per chiudere un ingresso dell'arteria e sanare lesioni causate dal piede diabetico. L'intervento evita l'aputazione dell'arto. A riferirlo è La Nazione, che spiega come il caso non sia stato segnalato come evento sentinella al Centro per il rischio clinico regionale, che avrebbe fatto scattare la verifica del rispetto dei protocolli.

La causa che avrebbe portato allo shock emorragico, spiega La Nazione, sarebbe il formarsi di un ematoma retroperitoneale. Un ematoma che, si spiega ancora, potrebbe essere stato provocato dall’utilizzo di un macchinario per la chiusura dell’accesso aperto sull’arteria femorale per fare entrare il sondino endoscopico.

Una vicenda sulla quale si sta indagando. In sei mesi, sottolinea La Nazione, si sono verificati 5 eventi non attesi su circa 30 trattamenti di rivascolarizzazione. Una percentuale più che triplicata, rispetto al 5% degli eventi avversi attesi. 

Nel gennaio scorso, ricorda ancora il quotidiano, una paziente di 75 anni è morta a seguito di uno shock emorragico che avrebbe determinato una Cid (la sindrome da coagulazione intravascolare disseminata), dopo essersi sottoposta a un intervento di rivascolarizzazione dei vasi a causa del piede diabetico. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus: 526 nuovi positivi e 6 decessi in Toscana

  • Meteo

    Maltempo: nuova allerta in Toscana

  • Cronaca

    Sedicenne in fuga con l’influencer di TikTok

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento