Careggi, tragedia a maternità: 36enne muore dopo il parto

Nuova bufera sull'ospedale fiorentino: avviata un'indagine interna

Annalisa Casali (foto Facebook)

Una donna di 36 anni, Annalisa Casali, responsabile del personale Adecco a Prato, è morta ieri mattina all'ospedale di Careggi, dopo avere dato alla luce il suo bambino. Lo riporta oggi il quotidiano La Nazione nella sua pagina on line.

La donna è giunta al reparto maternità nella notte tra sabato e domenica scorsi, poi il parto naturale, senza bisogno di taglio cesareo. Subito dopo, riporta il quotidiano fiorentino, sono però iniziate le complicanze.

La 36enne viene ricoverata in terapia intensiva. Alla donna viene riscontrata la rottura della milza, che le viene asportata. Le condizioni della neo mamma continuano però a peggiorare, fino a che la donna muore, ieri mattina alle 7.

E' stata avviata un'idagine interna all'ospedale per chiarire la dinamica dei fatti ed accertare eventuali responsabilità. Talvolta danni alla milza delle partorienti possono essere causati dalla cosiddetta ‘manovra di Kristeller’, che consiste nell'esercitare pressioni sull'addome per "favorire" il parto.

Distrutti dal dolore la famigia e il compagno di Annalisa, che dovrà crescere il bambino da solo. Non è la prima volta quest'anno che succedono tragedie al reparto maternità di Careggi. Tra le più gravi, il caso di un bambino nato morto nell'aprile scorso, per il quale i genitori presentaro un esposto nei confronti della ginecologa di turno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: “Con questi numeri Toscana gialla o arancione”

  • Coronavirus, Giani: "Possibile Toscana arancione a inizio dicembre"

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 25 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 26 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus: un nuovo Dpcm, dieci giorni per i regali e regole per lo shopping. Come sarà il Natale 2020

Torna su
FirenzeToday è in caricamento