rotate-mobile
Cronaca

Sollicciano, ancora violenza: poliziotta aggredita e ferita da detenuta

Ennesima denuncia del sindacato della penitenziaria Sappe

Ennesimo 'evento critico' nel carcere fiorentino di Sollicciano, dove una poliziotta penitenziaria è stata ferita da una detenuta. Come spiega Pasquale Salemme, segretario nazionale della Toscana del sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe), “ieri sera, verso le 21:30, una poliziotta ha dovuto fare ricorso alle cure dei medici del pronto soccorso cittadino, dopo che una detenuta le ha chiuso violentemente il blindo della cella in faccia con l'intento di colpirla e le ha causato una contusione alla mano sinistra per cui sono stati diagnosticati 5 giorni di prognosi".

Sollicciano, la denuncia del Sappe: “Agente aggredito da detenuto”

La detenuta non sarebbe nuova a simili comportamenti e, nonostante sia da anni ubicata a Sollicciano proveniente da altro istituto penitenziario, "nessuno si cura di farla rientrare nel penitenziario di assegnazione - sottolinea Salemme -. Per i suoi trascorsi detentivi, la detenuta rappresenta un'anomalia dell'intero panorama nazionale a cui i vertici dell’amministrazione penitenziaria non vogliono trovare una soluzione definitiva. Intanto, continua a porre in essere comportamenti offensivi e a volte aggressivi nei confronti delle poliziotte penitenziarie di Firenze”.

Nardella incontra Cartabia: a gennaio visita a Sollicciano

“La grave vicenda porta alla luce le priorità della sicurezza spesso trascurate con cui quotidianamente hanno a che fare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria” ricara la dose Donato Capece, segretario generale del Sappe, che rivolge poi “solidarietà e vicinanza al personale di polizia penitenziaria di Sollicciano a Firenze” e giudica la condotta della detenuta che ha provocato le aggressioni “irresponsabile e gravissima”.  Il Sappe stigmatizza anche "la mancata assunzione di provvedimenti da parte del Ministero della Giustizia a tutela dei poliziotti penitenziari sempre più spesso aggrediti, minacciati, feriti, contusi e colpiti con calci e pugni da detenuti e, nonostante, senza alcuna tutela reale della propria incolumità fisica personale”.

Sollicciano, poliziotto scopre distilleria in cella: aggredito

"Gli eventi critici contro appartenenti alla polizia penitenziaria sono aumentati in maniera spaventosa, accentuati anche dalla scellerata vigilanza dinamica delle carceri che è alla base di tutta questa violenza inaccettabile - conclude Capece. - Rivendichiamo tutele e garanzie funzionali nuovi strumenti che migliorino il nostro servizio bodycam e Taser su tutti nuovi protocolli operativi e soprattutto tutele legali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sollicciano, ancora violenza: poliziotta aggredita e ferita da detenuta

FirenzeToday è in caricamento