Cronaca

Carabinieri, ritrovata in Liguria bolla papale del 1822 dal valore di 15mila euro

I carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Firenze erano stati allertati della mancanza del documento nel febbraio 2016

I carabinieri del comando tutela patrimonio culturale di Firenze hanno recuperato una bolla papale emessa nel 1822 da Papa Pio VII rubata a Massa presso l’Archivio Diocesano.

Grazie alla bolla, dal valore stimato di 15mila euro, intitolata "Singularis Romanorum Pontificum" nel febbraio 1822 è stata eretta la Diocesi di Massa Ducale.

Le trentadue pagine in pergamena, con sigillo plumbeo, sono state rubate in epoca imprecisata. La denuncia di furto è stata fatta nel febbraio 2016 dal direttore dell’Archivio storico diocesano di Massa che, dopo aver concluso l'inventario, si è accorto della dell’ammanco del documento.

Dopo mirate mirate indagini negli ambienti antiquari e tra gli appassionati del settore, la bolla papale è risultata in possesso di un collezionista residente nella provincia di La Spezia che, nel 1996, l’aveva acquistata in buona fede a Genova presso una nota libreria antiquaria.

Sono in corso ulteriori accertamenti per ricostruire i passaggi della Bolla Papale, dal momento del furto sino al suo ritrovamento.

La riconsegna della bolla è avvenuta alle ore 11.00 di sabato 18 febbraio presso la Curia Vescovile di Massa. L’Archivio storico diocesano massese è custode di numerosi atti provenienti dal vescovo e dalla Curia Vescovile dal 1822, da archivi storici delle Parrocchie di Massa e Carrara e dal Capitolo della Cattedrale dal 1629.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabinieri, ritrovata in Liguria bolla papale del 1822 dal valore di 15mila euro

FirenzeToday è in caricamento