'Mazzetta' da 15.000 euro, arrestati due carabinieri del Nas

Sono a Sollicciano. La denuncia di un dentista che 'rischiava' sanzioni

Due carabinieri del Nas di Firenze sono stati arrestati in flagranza di reato con l'accusa di concussione: avrebbero chiesto una mazzetta di 15.000 euro a un odontoiatra per evitargli una segnalazione o una multa.

In manette anche una terza persona che avrebbe fatto da intermediario. L'arresto, effettuato dai carabinieri, è avvenuto a Lastra a Signa.

Proprio il titolare dello studio odontoiatrico avrebbe avvisato i carabinieri della compagnia di Signa delle richieste illecite.

Gli investigatori dell'Arma, coordinati dal pm Fedele Laterza, hanno verificato la segnalazione, poi sono scattati gli arresti.

I due militari - un maresciallo e un appuntato - si trovano ora nel carcere di Sollicciano, in attesa della convalida che si terrà lunedì prossimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Viabilità: A1, chiudono l’uscita Firenze Scandicci e il parcheggio di Villa Costanza

  • Crisi Coronavirus: chiude lo storico Gran Caffè San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento