rotate-mobile
Cronaca

Allieva marescialla suicida in caserma, la famiglia di Beatrice: “Troppa pressione”

La lettera: “Speranza che si possa fare seriamente luce sul fenomeno suicidario che coinvolge uomini e donne in uniforme”

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

La famiglia della carabiniera che il mese scorso si è tolta la vita nella caserma degli Allievi Brigadieri e Marescialli di Castello ha scritto una lettera al sindacato dei carabinieri "UnArma" per porre l’attenzione su un fenomeno che si starebbe avvinghiando in maniera vorticosa intorno a quanti indossano la divisa. Divisa, peraltro, indossata da più componenti della famiglia di Beatrice Belcuore. Quest’ultima si è tolta la vita il 22 Aprile scorso con la pistola d’ordinanza. La speranza della famiglia, appunto, è quella “che si possa fare seriamente luce sul fenomeno suicidario che coinvolge uomini e donne in uniforme”.

La 25enne nella sua carriera aveva intrapreso più percorsi militari e aveva a cuore l’Arma, sia il padre sia lo zio hanno fatto parte del corpo, ma alcune disposizioni “non le erano chiare e le reputava prive di valore formativo”. Punti non ritenuti chiari di cui aveva più volte scritto a casa via messaggio.

Svariati gli esempi. Come non ci dovesse essere presente niente sotto la scrivania della camera oppure lasciare il beauty case in bagno. “Niente zaini in spalla durante le libere, cibo in camera e le ragazze non possono indossare stivaletti tipo Dottor Mantens o Timberland durante le libere uscite”

Regole che sarebbero andate anche a toccare i pernotti e le possibili indennità: “Chi ha conseguito un esame – si legge nella lettera - con voto pari a *18/19/20* salta il pernotto immediatamente successivo alla data dell’esame sostenuto.”

La famiglia racconta anche di altri episodi avvenuti circa sei mesi prima del gesto estremo: “Beatrice agli inizi dell’ottobre 2023 aveva contratto il Covid con associati sintomi febbrili e respiratori, malgrado le sue condizioni di salute fossero precarie e la malattia contagiosa tanto da chiudere in casa il mondo intero per un anno a lei veniva ordinato di recarsi nel luogo di adunata, tutte le mattine alle 06:15. Il padre venuto a sapere di questa notizia contattò telefonicamente l’Ufficiale Comandante di Plotone di Beatrice, per chiedere spiegazioni sul perché la figlia venisse obbligata a presentarsi in adunata febbricitante e al fatto che i pasti, a suo dire immangiabili, le venivano portati continuamente con grossi ritardi e in esigue quantità. Il fine della telefonata era semplicemente finalizzato a comprendere le ragioni per le quali si rendeva necessario compromettere ulteriormente la salute di sua figlia. In tutta risposta l’Ufficiale affermava con tono perentorio e arrogante che la telefonata risultava essere non gradita e che gli stava causando una perdita di tempo prezioso, inoltre affermava che i dettagli della conversazione secondo il suo punto di vista non erano del tutto esatti”.

Episodi che erano sfociati in uno scambio epistolare tra il padre della ragazza e alcuni rappresentanti dell'Arma. Il padre, a detta sua per chiudere la questione, aveva quindi una mail di scuse, che recitava così:

“Buongiorno, sono il Brig.Ca. Belcuore,
padre dell'allieva Beatrice, avrei voluto richiamare per chiarire meglio quando accaduto in occasione delle telefonate avute con Lei e con il suo collaboratore ma non voglio creare ulteriori disagi alla Vostra attività quindi mi permetto di scriverLe queste poche righe per rappresentare il mio sentito dispiacere.
Presto servizio nell'Arma da 40 anni e non ho mai avuto alcun provvedimento disciplinare e sono sempre rimasto confinato nel rispetto della gerarchia e della disciplina ma oggi ho percepito un possibile disagio da parte di mia figlia, che oltretutto non si è mai lamentata di nulla ed è entusiasta del corso che sta frequentando e del ruolo che ricoprirà in futuro, che sono andato in apprensione e non ha ben valutato cosa era realmente accaduto ovvero, nulla di che.
Mi scuso nuovamente e spero si possa comprendere l'errore che troppi spesso i genitori fanno per cercare, anche ingiustificatamente, di tutelare i figli.
Beatrice è la mia unica figlia ed è il mio tallone d'Achille. Spero voglia porgere le mie scuse anche al suo collaboratore. Con il dovuto rispetto, Brig.Ca. … Belcuore.


In risposta alla mail l’Ufficiale avrebbe poi risposto:

Screenshot 2024-05-14 184648

Il gesto estremo, la famiglia: "Era fortemente stressata in quel periodo"

Secondo la famiglia, nei giorni precedenti la propria morte Beatrice avrebbe manifestato molti sintomi attribuibili a una "condizione di forte stress psicofisico, difatti riferiva alla madre che stava perdendo i capelli e che non ne poteva più di sottostare a quelle “regole” poco funzionali e che si insinuavano in ogni ambito
della propria vita. Inviava spesso le foto di come era costretta a vestirsi in abiti borghesi per poter avere un paio di ore di svago concesse durante la libera uscita, del fatto che doveva necessariamente tenere i capelli raccolti, tirati al punto e che li stava perdendo anche per andare in piscina. Diceva sempre più spesso alla mamma: questa scuola mi sta rovinando la vita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allieva marescialla suicida in caserma, la famiglia di Beatrice: “Troppa pressione”

FirenzeToday è in caricamento