rotate-mobile
Cronaca

Cantieri tramvia: contro il rischio traffico cambiano i capolinea dei bus extraurbani

Modifiche in vista per i pendolari di Mugello, Valdisieve, Valdarno e Chianti: l'obiettivo è 'salvare' la stazione e la zona di via Baracca

Salvare dal traffico la direttrice di via Nazionale e la zona della stazione, così come quella di via Baracca-Ponte alle Mosse, dal rischio paralisi per traffico. Questo l'obiettivo di Palazzo Vecchio, in vista dell'avvio ai lavori per la linea Vacs della tramvia, quella che dalla Fortezza da Basso arriverà a piazza della Libertà per poi entrare in via Cavour, piazza San Marco e tornare sui viali da via La Marmora: cantieri al via a fine giugno, con impatto pesante nell'area di piazza della Libertà e dintorni.

Per farlo il Comune pensa a tre nuovi hub di interscambio dove far arrivare i pendolari dei bus extraurbani di Mugello, Valdisieve, Valdarno e Chianti ma anche in arrivo da Prato e dalla Piana. La notizia è stata anticipata oggi da Repubblica Firenze, e confermata dall'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti anche ai microfoni di Controradio.

Il primo nuovo 'terminal' sarà in piazza Vittorio Veneto, alle Cascine. Dal 1° agosto lì si fermeranno le linee extraurbane con provenienza dall'Empolese-Valdelsa e dai comuni del Chianti (Greve, Impruneta, San Casciano, Tavarnelle). Da lì i passeggeri potranno montare sulla linea 1 della tramvia: si tratterà, calcola Repubblica, di quasi 200 bus al giorno che oggi hanno il capolinea all'Autostazione Sita, in via Santa Caterina da Siena, dove arrivano passando per via degli Orti Oricellai.

Dal 1° settembre dovrebbe essere attivato il secondo hub, nel piazzale di Montelungo, dove fermeranno i capolinea dei bus extraurbani in arrivo da Mugello, Valdisieve, Valdarno e Chianti: circa 300 bus al giorno che oggi passano per via Nazionale. In questo caso le fermate della tramvia più vicine per chi arriva sono in piazza Bambini e Bambini di Beslan o alla stazione (in alternativa i bus urbani).

Infine, da dicembre, il terzo passo. Tutti i bus extraurbani in arrivo da Prato, Pistoia e Lucca che oggi arrivano al piazzale delle Cascine, passando da via Baracca e Ponte alle Mosse, saranno dirottate ad un nuovo capolinea temporaneo in viale Guidoni, all'altezza della fermata della tramvia.

"Altri 34 chilometri di tramvie"

Intanto il sindaco di Firenze Dario Nardella conferma l'impegno dell'amministrazione comunale sul versante tramvie.

“La vera scommessa del futuro sarà legata a uno sviluppo ‘sostenibile’. Per questo vogliamo dotare Firenze di altri 34 chilometri di tramvia, di cui 22 ulteriori già progettati e finanziati, e di una Smart City Control Room per la gestione digitale dei flussi di traffico”.

A dirlo è il sindaco Nardella, in un’intervista concessa in vista di “Primavera d’Impresa”, il premio alla creatività e all'innovazione imprenditoriale promosso dalla cooperativa Crisis a cui il Comune di Firenze ha concesso il patrocinio. L’evento conclusivo di “Primavera d’Impresa” è in programma il 14 e 15 giugno al Palazzo Congressi di piazza Adua a Firenze.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantieri tramvia: contro il rischio traffico cambiano i capolinea dei bus extraurbani

FirenzeToday è in caricamento