Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Autopalio Firenze-Siena, dopo la protesta incontro tra sindaci e Anas: fissati i tempi dei cantieri

I sindaci ad Anas: "Rispettare i tempi dei cantieri, in passato non è avvenuto"

Entro la fine del mese di luglio si concluderanno tutti i lavori in corso, tranne i cantieri attivi in corrispondenza dei viadotti Docciola e Falciani, per la cui ultimazione occorrerà attendere ben 8 mesi.

E' questa una delle notizie che i sindaci dei Comuni del Chianti Fiorentino, territori interessati dagli investimenti in fase di esecuzione lungo la Firenze Siena, "hanno accolto con favore", come si esprime in una nota, durante l'incontro che ieri si è tenuto in forma digitale con Anas, la società che gestisce l'Autopalio, dopo la protesta dei giorni scorsi per la gestione e l'organizzazione dei lavori da parte della stessa Anas.

Nei prossimi giorni saranno riaperte le due carreggiate all'altezza del Viadotto Terme e si chiuderanno i cantieri legati all'abbattimento delle alberature e alla pulizia delle scarpate nei tratti compresi tra San Casciano Nord e San Casciano Sud, San Casciano Sud e Bargino.

Un investimento quest'ultimo da circa un milione di euro, come hanno evidenziato i responsabili Anas, eseguito con l'obiettivo di aumentare il livello di sicurezza sulla Firenze Siena, infrastruttura tra le principali della Toscana, che vede transitare sul proprio piano viario un traffico giornaliero pari a 25mila veicoli.

Incubo in autostrada: 20 km di coda

“L'incontro si è rivelato utile e positivo - dicono i sindaci Roberto Ciappi, Alessio Calamandrei, Paolo Sottani e David Baroncelli - siamo contenti dei tempi che ci sono stati indicati ma confidiamo che vengano rispettati e purtroppo quanto successo in passato non incoraggia. Avevamo ricevuto una comunicazione lo scorso 20 maggio che indicava la fine di maggio, il 30 per l'esattezza, come termine dei lavori nel cantiere aperto tra San Casciano e Impruneta, una tempistica non rispettata che ancora di fatto risulta inattesa”.

“Quello che chiediamo - rimarcano i primi cittadini San Casciano in Val di Pesa, Greve in Chianti, Impruneta e Barberino Tavarnelle - è comunicazione, condivisione, responsabilità sulla tempistica e sulla programmazione dei cantieri". I sindaci hanno ottenuto di poter disporre di tre punti di contatto, nonché sistemi di controllo e monitoraggio degli interventi in corso. Ieri intanto sono partiti i lavori su un'altra importante infrastruttura viaria, la Fi Pi Li: i lavori all'altezza della frana di Lastra a Signa, è stato annunciato, termineranno il 21 settembre. Fino ad allora in quel tratto si viaggerà su una corsia per senso di marcia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autopalio Firenze-Siena, dopo la protesta incontro tra sindaci e Anas: fissati i tempi dei cantieri

FirenzeToday è in caricamento