Cronaca

Nel cantiere Esselunga della strage ora c'è un 'lago' / FOTO

A molti torneranno in mente le immagini del 'lago Belfiore', dove ora sorge uno studentato di lusso (ma in quel caso l'acqua era purissima)

L'interno del cantiere Esselunga di via Mariti, tuttora fermo con l'area sotto sequestro dopo la strage del febbraio scorso nella quale sono morti sul lavoro cinque operai, risulta completamente 'allagata'. Ad evidenziarlo sono i residenti del quartiere. Le foto che vedete, scattate ieri, 5 giugno 2024, sono eloquenti: l'interno del cantiere - privato - risulta pieno di acqua terrosa. I residenti e i commercianti della zona, allo stesso tempo, con una petizione a Palazzo Vecchio, chiedono di riaprire via Giovanni da Empoli, una strada importante per la viabilità del quartiere e anch'essa chiusa da febbraio e non più riaperta.

FOTO - Un 'lago' nel cantiere Esselunga della strage

Sotto: quello che era il 'lago Belfiore', in molti avrebbero voluto conservarlo e - al posto dello studentato di lusso - far nascere un parco di quartiere: l'acqua, nel caso di Belfiore, per particolare casualità, risultava essere di qualità ottima e pura, arrivando direttamente dalla falda

FOTO - Come appare il 'lago' Belfiore (foto del 2018)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel cantiere Esselunga della strage ora c'è un 'lago' / FOTO
FirenzeToday è in caricamento