Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

In cammino contro il tumore, fino a Santiago: "Siamo viandanti contro la malattia" / FOTO

Il cammino è organizzato dal gruppo Impronte di Lilt Firenze, la Lega italiana per la lotta contro i tumori

In cammino verso Santiago di Campostela, per reagire al tumore. Otto giorni di cammino, fino al 3 giugno, per il gruppo Impronte di Lilt Firenze, nato nel 2018 e composto da persone in riabilitazione oncologica che insieme a una psico-oncologa percorrono sentieri con un obiettivo terapeutico, sociale, e psicologico.

"Perché camminare fa bene alla salute e aiuta anche ad acquisire una maggiore stima di sé per affrontare le difficoltà, fisiche e psicologiche, legate alla malattia. Siamo 'viandanti' contro la malattia", dicono di loro questi speciali camminatori, riuniti in cammino come, ovviamente semplificando al massimo, 'terapia psicologica' per affrontare la malattia. Lunedì scorso il progetto è stato presentato in Palazzo vecchio e ieri si è svolta la prima tappa.

FirenzeToday ha deciso di raccontare, giorno per giorno, il loro 'diario' quotidiano. Di seguito il racconto dell'arrivo ieri in Spagna. Nei prossimi giorni le prossime tappe.

Diario dei Viandanti Lilt giorno #1

Alle 8.30 siamo atterrati all’aeroporto di Santiago dove Simone Ruscetta, la nostra guida, ci aspettava con una bellissima sorpresa: la visita al Monastero di Samos. Ecco le prime emozioni.

Giuseppe: “La sensazione fisica ed emotiva è quella di essere attraversati da luoghi estremamente silenziosi.
La calda e fragorosa presenza delle camminatrici e camminatori della Lilt scuote ed interrompe questa dolce quiete galiziana”.

Laura: “Stamattina sono arrivata con il gruppo a Sarria in Galizia. Ora passo dopo passo sono pronta a iniziare il Cammino che mi porterà a Santiago. Un viaggio proposto e poi via via pensato, sognato e aspettato, fatto mio piano piano con forti prospettive. Spero di vivere emozioni intense e far mio l’obiettivo di riuscire a dare tanto di me sia fisicamente che di ricerca di nuova mia interiorità, e con i miei compagni un viaggio divertente, motivante e pieno di amore”.

“Prima sensazione fissata della giornata: appena poggio la pianta del piede dall'autobus su terra spagnola", continua Elisabetta, psico-oncologa Lilt. "L'elettricità" nell'aria di Samos: il silenzio del monastero, le prime frecce che indicano il cammino, la tranquillità nel chiostro.

La sensazione di riconnettersi, attraverso il terreno, con le impronte di pellegrini lontani. Sento la pienezza e anche l'incredulità e la meraviglia”.

FOTO - In cammino contro il tumore fino a Santiago

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In cammino contro il tumore, fino a Santiago: "Siamo viandanti contro la malattia" / FOTO
FirenzeToday è in caricamento