Calenzano, gravi carenze igieniche: chiuso ristorante cinese

Dopo una serie di controlli dei Nas dei carabinieri

Foto d'archivio

Sospesa l'attività di un ristorante dove sono stati sequestrati alimenti non a norma e si preparano piatti a base di pesce crudo in precarie condizioni igieniche.

L'operazione dei carabinieri dei Nas, coadiuvati dall'Arma territoriale, è scattata ieri a conclusione di un'attività ispettiva eseguita presso un ristorante cinese di via Vittorio Emanuele a Calenzano.

Sono stati trovati 15 kg di prodotti tra carne e vegetali privi delle informazioni sulla tracciabilità e omissioni sulle procedure del piano autocontrollo alimentare Haccp relativamente alla procedura di abbattimento del pesce crudo (procedimento indispensabile per distruggere le larve di parassiti potenzialmente pericolosi per la salute del consumatore, in particolare l'anisakis).

Per l'omessa attuazione delle procedure il dirigente della di sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare dell'Asl Toscana Centro ha disposto l'immediata sospensione dell'attività di preparazione alimenti a base di pesce crudo.

I militari hanno proceduto poi al sequestro sanitario di 9 confezioni da un kg ciascuno del prodotto alimentare denominato 'brodo granulare' di provenienza cinese, che sarà sottoposto ad analisi di laboratorio finalizzate a verificare l'eventuale presenza di ingredienti di origine animale, non dichiarati in etichetta.

Sono stati sequestrati 24 kg di alimenti per valore di circa 200 euro. Scattata anche una multa di 3.500 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo scomparso: trovato morto, deceduto in incidente stradale

  • Tramvia, destra e 5 Stelle attaccano: “No allo scempio, sì al modello cinese senza binari”

  • Ragazzo scomparso a Firenze, l'appello della madre: “Aiutateci, siamo disperati”

  • La terza e ultima stagione de I Medici: tutte le informazioni

  • Meteo, arriva il primo freddo: le previsioni della settimana

  • Morto il giovane rapper Cry Lipso 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento