rotate-mobile
Cronaca

Caldo torrido, la Regione manda 60 ventilatori nel carcere di Sollicciano

Il provvedimento dopo la calura degli ultimi giorni

Si sta per risolvere l'emergenza caldo all'interno del carcere di Sollicciano. Soluzione arrivata dopo che il penitenziario fiorentino negli ultimi giorni era finito al centro delle polemiche per le temperature che nelle celle saliva oltre i 40 gradi. Ieri la Regione Toscana ha fatto sapere che, per aiutare i detenuti ad affrontare l'eccezionale calura, invierà sessanta ventilatori entro un paio di giorni. 
 
"Sono davvero contenta che questa vicenda si sia sbloccata in pochi giorni – dice l'assessore al diritto alla salute e al sociale  Stefania Saccardi - Anche tra le mura del carcere il caldo si fa sentire, in particolare per chi è più anziano o ha problemi di salute. Mi auguro che l'invio dei ventilatori, che manderemo subito, entro un paio di giorni, possa alleviare il loro disagio".


La settimana scorsa l'assessore Saccardi si era detta disponibile a mandare a Sollicciano 100 ventilatori, ma l'amministrazione del carcere aveva fatto sapere che l'impianto di Sollicciano non avrebbe retto il carico energetico. La direzione ha fatto un approfondimento, dal quale è risultato che fino a 60 apparecchi sono sostenibili per l'impianto del penitenziario. I ventilatori verranno distribuiti tra le celle in base a criteri di ordine sanitario, dando la precedenza ai detenuti più anziani e a quelli che hanno problemi di salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldo torrido, la Regione manda 60 ventilatori nel carcere di Sollicciano

FirenzeToday è in caricamento