Calciopoli: assolti i vertici della Fiorentina

Il processo era per falso in bilancio e ostacolo alla vigilanza

Il gup di Firenze ha assolto oggi i vertici della Fiorentina e Diego Della Valle dalle accuse di falso in bilancio e ostacolo alla vigilanza, al processo con rito abbreviato sulla vicenda dei presunti mancati accantonamenti in bilancio, eventualmente da destinare a risarcire il Bologna per Calciopoli, come riporta l'Ansa. In tutto erano 16 gli imputati.

L'inchiesta era partita dalla denuncia della Victoria 2000 srl, che controllava il Bologna calcio ai tempi di Gazzoni Frescara e che nel 2005 retrocesse in serie B e fallì. Secondo l'accusa la Fiorentina non avrebbe accantonato nel bilancio chiuso a fine dicembre 2015 una quota a perdita, in previsione della somma che la società gigliata avrebbe dovuto versare al Bologna a titolo di risarcimento per lo scandalo di Calciopoli.

La procura aveva chiesto l'archiviazione, ma il gip Zanobini l'aveva rigettata, disponendo l'imputazione coatta per i 16 indagati, tra i quali Diego e Andrea Della Valle. Da qui la richiesta di giudizio abbreviato, accolta dal gup Alessandro Moneti, che oggi ha pronunciato sentenza di assoluzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "Possibile Toscana arancione a inizio dicembre"

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 20 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Rinnovo della patente di guida: tutte le informazioni

  • Coronavirus, Giani: “Con questi numeri Toscana gialla o arancione”

  • Coronavirus: un nuovo Dpcm, dieci giorni per i regali e regole per lo shopping. Come sarà il Natale 2020

Torna su
FirenzeToday è in caricamento