rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Novoli / Via Mario Castelnuovo Tedesco

Novoli: precipita dal secondo piano dopo una lite, grave a Careggi

A finire in manette un uomo ed una donna cinesi. Rinvenuto sulla scena del crimine un machete. Nell'appartamento sangue ed una borsa contenete un ingente somma di denaro

Un volo dal secondo piano della palazzina numero 12 di via Castelnuovo Tedeschi, nell’area di Novoli, poi lo schianto a terra. Non è morto A. D., 43 anni, marocchino, ma sta lottando tra la vita e la morte all’ospedale di Careggi. Gravissime le lesioni riportate dall’uomo in seguito allo schianto avvenuto attorno alle 20,30 di ieri sera. Il marocchino al nosocomio di Careggi, chi lo voleva uccidere in manette. Si tratta di una coppia di orientali, una donna ed un uomo entrambi cinesi, di 38 e 43 anni, arrestati ieri sera dopo l’intervento della polizia: la donna è stata trovata in casa, l’uomo è stato bloccato in via Toscanini mentre tentava di scappare. Il quadro dell’accaduto è sufficientemente chiaro, gli investigatori della squadra mobile diretti da Filippo Ferri sono abbastanza certi di quanto sia accaduto. Pare che il volo del marocchino non sia che l’apice di una tremenda lite avuta con i due inquilini della casa. Urla, colpi, fino a spaventare i vicini, i primi ad avvertire la polizia.

Se è chiaro l’epilogo, sono ancora da chiarire i motivi che hanno scatenato la violenza omicida. Intanto, perché A. D. si trovava all’interno dell’appartamento regolarmente in uso alla donna cinese? Sembra che l’abitazione fosse una sorta di bordello: i due preservativi appena usati rinvenuti nella scena del crimine farebbero pensare ad una sorta di casa per appuntamenti. Non solo preservativi ma sangue dappertutto. Non si è trattato di spintoni, cazzotti e botte. C’era qualcosa in più in quella casa. Almeno un machete da cucina, quello rinvenuto sull’asfalto accanto al corpo del marocchino. Gli inquirenti stanno lavorando per capire cosa abbia fatto scattare la violenza. Perché la donna avrebbe chiamato il compagno, perché le lame. Lame, non una sola lama: in quella casa ieri sera ce ne erano più di una se è vero che i due cinesi in stato di arresto sono ricoverati, e piantonati dalle forze dell’ordine, anch’essi a Careggi per ferite da taglio alle braccia ed alle mani. Ad infittire il quadro, il rinvenimento all’interno dell’abitazione di una borsa contenente una somma di denaro ingente. Molte banconote, forse troppe. Tante che borsa e denari sono finiti sotto sequestro. Che c’entri qualcosa con quello che è accaduto in quegli istanti? Nodi che solo gli investigatori potranno sciogliere, anche se la soluzione sembra davvero a portata di mano.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novoli: precipita dal secondo piano dopo una lite, grave a Careggi

FirenzeToday è in caricamento