Cronaca

Cadaveri a pezzi nelle valigie sotto la FiPiLi, la conferma del Ris: la vittima maschile è Shpetim Pasho

La svolta dalle analisi scientifiche. Trovata la quarta valigia. Attesa l'identificazione della moglie

Dalla prima comparazione effettuata dalla sezione impronte del reparto investigazione scientifiche di Roma, tutti i punti rilevabili sull'impronta di un dito di una mano del cadavere di sesso maschile corrispondono alle impronte dattiloscopiche di Shpetim Pasho, il cittadino albanese scomparso da Scandicci 5 anni fa insieme alla moglie.

E' quanto spiegano i carabinieri che stanno indagando sul caso dei due cadaveri fatti a pezzi e chiusi dentro delle valigie, poi gettate dalla Fi-Pi-Li a ridosso del muro perimetrale esterno del carcere di Sollicciano.

Poco fa i militari hanno rinvenuto nel terreno dell'orrore anche una quarta valigia, che si suppone contenga altri resti delle due vittime. Il contenuto della valigia è ancora da accertare.

Confermata dunque dal Ris l'ipotesi già circolata nelle scorse ore, corroborata da un tatuaggio rinvenuto sull'avambraccio della vittima maschile.

Screenshot_2020-12-15 Chi l'ha Visto - Scomparsi - Shpetim Pasho - La scheda-2-2-2-2-2

Cadaveri nelle valigie, la pista: una coppia scomparsa 5 anni fa

Ipotesi secondo cui l'identità della coppia poteva appunto riferirsi ai coniugi Pasho, il cui figlio si trovava in carcere a Firenze nel periodo della loro scomparsa, denunciata nel 2015 dalla figlia e poi archiviata come probabile allontanamento volontario dalla procura fiorentina.

Adesso è attesa l'identificazione certa della vittima femminile: pochi i dubbi sul fatto che si tratti della moglie di Sheptim.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cadaveri a pezzi nelle valigie sotto la FiPiLi, la conferma del Ris: la vittima maschile è Shpetim Pasho

FirenzeToday è in caricamento