Bypass Mantignano-Ugnano: tutto fermo fino a marzo, poi altri 6 mesi di lavori

Non c'è pace per la strada che dovrebbe deviare il traffico dai centri abitati ma 'monca' da diversi anni

Dei lavori per concludere il tratto di strada mancante del Bypass tra Mantignano e Ugnano se ne riparla a marzo. Così spiega una nota diffusa oggi da Palazzo Vecchio.

“La sospensione delle lavorazioni nel cantiere per la realizzazione della nuova strada è stata disposta sulla base delle indicazioni del Genio Civile della Regione Toscana rispetto al rischio idraulico”, si legge nel comunicato diffuso.

Un nuovo stop e un nuovo ritardo dunque rispetto anche alle ultime previsioni del gennaio 2019, esattamente un anno fa, quando venne annunciato il via agli ultimi lavori (circa 300 metri su 2 chilometri totali di strada che mancano dal 2017, quando venne aperto il primo tratto, per completare il bypass pensato per salvare dal traffico gli abitati di Mantignano e Ugnano. Il tratto non è stato realizzato perché si scoprì che un'area privata espropriata per effettuare i lavori era inquinata da idrocarburi e doveva essere bonificata).

Nella visita ai cantieri di un anno fa, con il sindaco Dario Nardella, anche in quanto sindaco della Città Metropolitana, si parlò di fine lavori ipotizzabile per ottobre 2019. A leggere la nota uscita oggi dall'amministrazione comunale però andrà bene se il tratto di strada sarà finito per ottobre 2020.

Da marzo prossimo, si legge infatti, la prima fase dei lavori “durerà sei mesi” e riguarderà “l'alveo del Fosso degli Ortolani e il rilevato arginale di via dell'Argingrosso”. Si tratterà di realizzare il cosiddetto “tombino”, cioè “un’opera idraulica costituita da uno scatolare in cemento armato di 4 metri per 2,4 e lungo circa 50 metri” e necessario appunto per motivi di sicurezza contro il rischio idraulico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Successivamente “le lavorazioni saranno completate con la realizzazione della nuova rotatoria di via Canova e del tratto di collegamento tra la stessa rotatoria e il ponte esistente, con l’adeguamento del tratto via dell’Argingrosso”. Se non ci saranno altri intoppi dunque, per fine 2020 potremmo vedere, il condizionale è d'obbligo, la nuova strada.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Firenze usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Viabilità: A1, chiudono l’uscita Firenze Scandicci e il parcheggio di Villa Costanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento