menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dalla Regione Toscana una nuova legge contro bullismo e cyberbullismo

E' stata approvata all'unanimità dal consiglio regionale

"Mai più soli, il bullismo e il cyberbullismo saranno contrastati fortemente con azioni di prevenzione e sensibilizzazione". La Toscana ha un nuovo strumento per farlo: la legge regionale "Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo", approvata all'unanimità dal Consiglio regionale.

La norma mette in campo interventi finalizzati a promuovere azioni di prevenzione e di contrasto, con particolare riferimento alle scuole, ai luoghi di aggregazione giovanile, anche di ambito sportivo.

La Regione, inoltre, attiverà progetti rivolti anche alle famiglie, "finalizzati all'uso consapevole degli strumenti informatici e della rete internet", ma anche piani per il monitoraggio del fenomeno. Gli strumenti che consentiranno la realizzazione di queste azioni sono: la realizzazione di campagne di sensibilizzazione e di informazione; l'organizzazione di corsi di formazione, rivolti a gruppi di studenti e finalizzati alla creazione di occasioni di ascolto e confronto all'interno delle proprie classi, in modo da rendere gli studenti veri protagonisti attivi nel percorso di prevenzione; i programmi di formazione per il personale scolastico ed educativo, volti all'acquisizione di tecniche pedagogiche e di pratiche educative.

"Questa proposta - spiega la consigliera prima firmataria del dispositivo, Ilaria Giovannetti del Pd - nasce proprio dai giovani che, attraverso il Parlamento regionale degli studenti ci hanno posto qualche tempo fa il problema di arrivare a una normativa toscana. C'è stato un lungo lavoro, che ha visto la collaborazione e l'ascolto di esperti, personalità e amministratori. L'obiettivo era allargare il perimetro delle azioni a tutti i luoghi della società dove i ragazzi e le ragazze vivono e si confrontano con la loro realtà”.

Quindi non solo la scuola, "ma anche la pratica sportiva, l'associazionismo e, naturalmente, la rete internet ed il mondo dei social network".

L'aspetto più importante della legge, continua, "è forse quello dell'istituzione del 'Comitato regionale per la lotta al bullismo e al cyberbullismo', che assumerà il compito di elaborare progetti e coordinare le azioni e a cui parteciperanno, oltre agli assessorati ed alle commissioni competenti, l'Istituto degli Innocenti, l'ufficio scolastico regionale, il Corecom, Anci toscana, un rappresentante della polizia postale regionale, uno dell'ordine degli psicologi, le associazioni competenti ed alcuni ragazzi del parlamento degli studenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Casting per il nuovo film di Pieraccioni: come fare domanda

social

Cake Star a Prato: le tre pasticcerie in sfida

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento