Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Biglietti scaduti durante il lockdown: "T'attacchi al tram", Ataf non li rimborsa

Tantissimi utenti beffati, la risposta dell'azienda alla lettera di una pensionata: "I Dpcm prevedono ristori solo per gli abbonamenti"

Avevi comprato dei biglietti e sono scaduti durante il periodo del lockdown? Ataf non li rimborsa. E' la sorte toccata a numerosi utenti del trasporto pubblico locale o tramvia. Una vicissitudine che ha colpito soprattutto le persone che avevano acquistato un carnet da 10 corse, spendendo 14 euro, per utilizzare autobus e tramvia. 

Centinaia, forse migliaia di titoli di viaggio non utilizzati, per una perdita economica gravata sulle tasche di altrettanti cittadini. Sono in molti quelli che non se la sono sentita di usare il trasporto pubblico durante la pandemia per paura del contagio, soprattutto fra gli anziani, dato anche gli scarsi interventi delle istituzioni per mettere al riparo dal contagio sui mezzi.

"T'atacchi al tram": un detto popolare fiorentino che in questo caso è più che mai calzante. E' il succo che esce dalla risposta dell'azienda di trasporto pubblico alla lettera di una pensionata. "Buongiorno, sono una pensionata che prima della pandemia faceva uso frequente dei mezzi pubblici, poi per evitare contagi data la fascia di età a cui appartengo ho evitato di usarli", ha scritto in una email.

"Ora mi trovo nella condizione di avere due carnet da 10 corse scaduti perché timbrati una o due volte. - sottolinea - Perché Ataf non ha pensato dato il periodo particolare a eliminare questa scadenza? Nella mia stessa condizione anche mio marito, quindi con una perdita di più di 30 euro che sinceramente trovo senza senso. Grazie".

Una domanda del tutto legittima alla quale la risposta non lascia margini di dubbio. Ataf, infatti, scarica la colpa sui provvedimenti di ristoro del governo: "La campagna di ristoro - risponde l'azienda - ha riguardato esclusivamente gli abbonamenti e non altre tipologie di titoli di viaggio. Ataf ha seguito le direttive dei vari Dpcm del Governo". Punto.

Resta la sostanza: di chi sia la colpa non sposta il problema. E, com'è accaduto per molti altri settori, i rimborsi non arriveranno mai. Alla faccia dei diritti del cittadino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biglietti scaduti durante il lockdown: "T'attacchi al tram", Ataf non li rimborsa

FirenzeToday è in caricamento