rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Strage dei Georgofili: indagato Berlusconi

La conferma arriva dal processo a Palermo sulla trattativa-stato mafia

 L'ex premier Silvio Berlusconi è indagato dalla procura di Firenze per le stragi mafiose del '93 a Firenze, a Roma e a Milano. A confermarlo - poche ore fa - una certificazione depositata alla cancelleria della seconda sezione della Corte d'assise d'appello di Palermo, che sta celebrando il giudizio di secondo grado sulla trattativa Stato-mafia. 

Nell'ambito del dibattimento palermitano l'ex premier è stato citato come teste dalla difesa del senatore Marcello Dell'Utri. I suoi legali avevano però chiesto di conoscere la veste giuridica in cui si sarebbe dovuto presentare e hanno ottenuto da Firenze una conferma ufficiale.

L'inchiesta su Berlusconi e sullo stesso Dell'Utri fu riaperta nel 2017 dopo un'indagine e un'archiviazione, a seguito delle intercettazioni in carcere dei colloqui del boss di Brancaccio Giuseppe Graviano, che tirava in ballo il leader di Forza Italia come complice e mandante occulto degli eccidi sul continente, compresa la strage dei Georgofili.

In base a questa certificazione arrivata da Firenze, adesso, Berlusconi potrà avvalersi della facoltà di non rispondere al processo, connesso a quello sulle stragi, sulla trattativa. Convocato per il 3 ottobre, l'ex cavaliere aveva declinato l'invito, sostenendo di non poter essere presente in quella data per via di impegni istituzionali al Parlamento europeo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage dei Georgofili: indagato Berlusconi

FirenzeToday è in caricamento