Tutti uguali in carrozzina: padre e figlio insieme in campo

Nonostante l'incidente Gennaro ha trasmesso al figlio la passione per il basket: la magia dello sport

La passione per lo sport riversata su un campo di basket. Poi a 20 anni il dramma: un incidente in moto nel quale perde una gamba. Anni difficili, di disorientamento. Ma Gennaro non si perde d'animo e non molla la passione per il cestismo. Dopo qualche tempo ricomincia a giocare, ma in carrozzina.

E' una bellissima storia di sport quella della famiglia Giustino. Gennaro ha due figli: Kevin, 18 anni e Kesia, 15 anni. E nonostante la sua disabilità ha trasmesso loro una grande passione per le attività motorie. Una lezione che invoglia tutti a sfruttare come un bene prezioso le proprie capacità fisiche.

Così il figlio maggiore, Kevin, si è appassionato anche lui alla pallacanestro ed ha iniziato a giocare fin dall'età di 9 anni. Insieme alla squadra dei ragazzi normodotati, certo. Ma, seguendo le orme del padre, giocando anche nella squadra di basket in carrozzina.

All'età di 16 anni ha dovuto passare nel quintetto dei grandi. E la scelta è stata quella di continuare a giocare nella squadra dei disabili, insieme al padre. La squadra è quella delle Volpi rosse di Firenze (qui la pagina della società), che attualmente milita, con ottimi risultati, nel campionato di Serie B della categoria in carrozzina. E nella quale Gennaro aveva ricominciato a giocare, fin dalla nascita della società.

Secondo il regolamento solo due normodotati possono far parte della squadra dei disabili e non possono far parte contemporaneamente del quintetto in campo. 

A seguirli ogni "santo sabato" c'è Grazia, moglie di Gennaro e madre di Kevin: "Facciamo un gran tifo al Pala Valenti di via Alderotti, dove i ragazzi giocano e si allenano. In questo momento mio marito Gennaro ha dovuto momentaneamente lasciare la pallacanestro perché ha iniziato a seguire anche la pallavolo, e fa l'arbitro ma presto tornerà. E' stato bello vedere mio marito e mio figlio in campo insieme".

Dopo aver trasmesso al figlio la passione per il basket, infatti, Gennaro non ha resistito al richiamo della figlia 15enne: Kesia gioca a pallavolo e lui, da sempre appassionato anche di quello sport, ha accettato di avvicinarcisi. Gioca a "sitting volley", la pallavolo per disabili, ed è stato coinvolto come arbitro per le partite delle ragazze.

"L'ostacolo all'inizio è stata la scala sulla quale deve salire l'arbitro nella pallavolo - racconta ancora Grazia - ma la voglia di sport gli ha fatto superare anche questa: lui riesce ad arrampicarsi e a salire fino in cima". "In casa - conclude - non si fa altro che parlare di basket, pallavolo, allenamenti e arbitraggio". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo sport e il diritto di vivere la normalità: quando le differenze non contano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caldo torrido su Firenze: tre giorni di allerta meteo

  • Incendio in fabbrica a Mantignano: colonna di fumo sulla città / FOTO

  • I turisti non tornano, i residenti se ne vanno: Firenze è sempre più vuota

  • Coronavirus: 217 in quarantena per l'ultimo focolaio

  • Coronavirus: impennata di nuovi casi, cluster di giovani

  • Caffè Rivoire, nuovo proprietario: "Ne farò un brand internazionale da esportare nei luxury mall"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento