Banca Etruria: risarcimento da 400 milioni chiesto agli ex amministratori

Il liquidatore presenta l'istanza con l'ok di Bankitalia: potrebbero servire a indennizzare i risparmiatori

Gli ex amministratori di Banca Etruria, membri del Cda e sindaci revisori, sono stati citati davanti al tribunale civile per i danni causati dalla loro gestione. Il liquidatore avrebbe chiesto un risarcimento da 400 milioni di euro: un'istanza su cui ci sarebbe il via libera della stessa Banca d'Italia. A riportare la notizia alcuni quotidiani oggi in edicola. 

Fra i citati in tribunale c'è anche l'ex vicepresidente Pier Luigi Boschi, padre del sottosegretario Maria Elena e l'ultimo presidente Lorenzo Rosi, finito fra le polemiche per essere in affari in alcune società con i soci di Tiziano Renzi. Tra gli obiettivi della causa civile, secondo quanto riferiscono i quotidiani, ci sarebbe anche la possibilità di poter utilizzare il denaro proveniente dagli eventuali indennizzi per gli obbligazionisti subordinati.

La citazione, secondo quanto si apprende, è stata depositata lunedì al tribunale civile di Roma: l'azione di risarcimento è stata sottoscritta anche da Ubi Banca che lo scorso maggio, con il contratto di acquisto della nuova Banca Etruria, si era impegnata ad aderire alla causa civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 18 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, Giani: "Possibile Toscana arancione a inizio dicembre"

  • Coronavirus, nuova ordinanza: vietato consumare cibo e bevande sul posto e nel raggio di 50 metri 

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 20 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Rinnovo della patente di guida: tutte le informazioni

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 novembre 2020: le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento