Banca Etruria, ex vertici condannati per ostacolo alla vigilanza di Bankitalia

La decisione della Corte di Appello di Firenze

La Corte d'appello di Firenze ha condannato l'ex presidente di Banca Etruria, Giuseppe Fornasari e l'ex direttore generale, Luca Bronchi a 1 anno e 1 mese di reclusione, pena sospesa, per ostacolo alla vigilanza della Banca d'Italia. I due manager erano stati assolti in primo grado.

I giudici hanno stabilito anche un risarcimento danni da 327.000 euro nei confronti di Bankitalia. In primo grado, nel novembre 2016 ad  Arezzo, il giudizio si era risolto con l'assoluzione per gli imputati. Assolto nuovamente l'ex responsabile del risk management David Canestri.

Il procuratore generale Domenico Manzione aveva chiesto 2 anni e 4 mesi per Fornasari e 1 anno e 8 mesi per Bronchi, sollecitando invece il proscioglimento di Canestri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inchiesta, la prima condotta dalla procura di Arezzo sul crac di Banca Etruria, era nata da un'ispezione avvenuta a fine 2013. Emersero così, tra i conti dell'istituto di via Calamandrei, sulla base del bilancio dell'2012, criticità tali da sfociare nell'inchiesta penale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: stop ai voli, rinvio per le discoteche

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Mick Jagger si trasferisce in Toscana: "E' innamorato, forse rimane"

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento